Siae: "Più poteri per combattere la pirateria"

E i provider siano responsabili dei contenuti che fanno transitare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-01-2009]

Proposta legge Siae diritto d'autore

Sta girando in rete un documento, in formato Pdf, reso noto da Altroconsumo: si tratta di una proposta di legge che sembrerebbe ideata dalla Siae.

Nonostante la Società degli Autori e degli Editori neghi la paternità, una rapida occhiata alle Proprietà svela come proprio la Siae figuri alla voce Autore; inoltre, i riferimenti all'interno del testo sono inequivocabili.

Scopo della proposta - peraltro espresso in maniera generica - è ridefinire la distribuzione dei contenuti digitali, ma il modo in cui questo dovrebbe avvenire si presta a varie interpretazioni, molte delle quali decisamente in contrasto con le libertà degli utenti.

Nel testo si legge la volontà di incentivare la creazione di piattaforme per mettere a disposizione in modo gratuito e legale i contenuti digitali; i detentori del diritto d'autore sarebbero compensati tramite gli introiti derivanti dalla pubblicità e dagli sponsor.

Le parti che però più fanno discutere sono quelle che riguardano "l'attribuzione di specifici profili di diretta responsabilità civile, amministrativa e penale all'operato dei prestatori di servizi della società dell'informazione" che sembrerebbe rendere di fatto i provider (per esempio YouTube) responsabili dei contenuti che ospitano e l'"attribuzione di poteri di controllo alle Autorità di Governo ed alle Forze dell'ordine per la salvaguardia su tali piattaforme telematiche del rispetto di norme imperative, dell'ordine pubblico, del buon costume, ivi inclusa la tutela dei minori", definizione piuttosto generica e che può includere tutto e il suo contrario.

Inoltre, nonostante il Ministro Bondi avesse chiaramente dichiarato che tutta questa materia sarebbe stata trattata insieme al cosiddetto "Popolo della Rete" e che non sarebbero state prese misure persecutorie verso gli utenti, la proposta attribuita alla Siae esplicita chiaramente la "previsione di sistemi sanzionatori prevalentemente di natura civile ed amministrativa, nonché di natura penale per i casi di più gravi violazioni, intendendosi per tali non solo quelle di interessi maggiormente rilevanti, ma anche quelle caratterizzate da ripetitività, abitualità, professionalità,con particolare riferimento al settore economico e tributario", ossia la possibilità di perseguire penalmente i cosiddetti "grandi condivisori".

Insomma, quanto emerge dal documento sembra un pastrocchio ambiguo pensato apposta per poter salvare la faccia lasciando ampiamente mano libera al governo - delegato per l'attuazione delle norme - nel decidere come attuarle. Naturalmente esiste sempre la possibilità che dietro ci siano delle ottime intenzioni per riformare una legislazione arcaica, ma i precedenti non fanno ben sperare.

Ciò che più ancora infastidisce è però rilevare come ciò che doveva diventare materia di pubblico dibattito stia invece venendo trattato in gran segreto: se il file Pdf incriminato non fosse venuto alla luce, forse ci saremmo trovati con una legge in discussione al Parlamento prima che se ne sapesse qualcosa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Non ci avevo pensato che quando si compra un pc diamo una quota alla siae, vero. Cosa intendi dicendo che quando crei un pdf, può rimanere il creatore tra le proprietà del file??? Leggi tutto
3-2-2009 12:20

Fino a quando non si cancellerà questo abominio dal diritto italiano, nonché di tutto l'occidente, per quanto mi riguarda qualsiasi discorso repressivo della pirateria, per quanto giustificato in linea di principio, puzzerà sempre di difesa di interessi speculativi, del tutto alieni dalla giusta e necessaria tutela dell'autore, di... Leggi tutto
2-2-2009 13:59

Internet è troppo potente. I "vecchi" di tutto il mondo non l'hanno capito a suo tempo e ora se ne pentono. Loro sanno di non poter far nulla per impedire la propagazione delle informazioni. Rompono le palle con la pirateria, beh, io ritengo corretto corrispondere il giusto ad un artista, ma solo il giusto. Un cd oggi costa... Leggi tutto
1-2-2009 22:21

Beh spesso (buona parte dei) diritti d'autore non vanno agli autori ma agli editori/produttori/ecc. ecc. Leggi tutto
31-1-2009 18:59

{utente anonimo}
mi scappa la voglia di far arte Leggi tutto
31-1-2009 12:03

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I cartelli di avviso inducono gli automobilisti a manovre di emergenza, frenando di colpo per poi accelerare nuovamente una volta passato l'autovelox. È allo studio un progetto di rimuovere tutte le segnalazioni anche da app e navigatori: sei d'accordo?
Sì, le strade saranno più sicure
No, servirà solo ad aumentare le multe

Mostra i risultati (2179 voti)
Luglio 2020
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Tutti gli Arretrati


web metrics