UK, provider-sbirri e agenzia indipendente per combattere i pirati

Gli Internet provider dovranno fornire dati sugli utenti alle major discocinematografiche. Niente minacce di disconnessioni ma il futuro è fumoso.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-01-2009]

Regno Unito pirateria Rights Agency Digital Britai

Il Regno Unito si preoccupa per i contenuti protetti da copyright che circolano illegalmente nel Web: le misure prese finora non soddisfano nessuno, né i provider né i produttori dei contenuti. Serve una nuova strategia, indicata nel rapporto Digital Britain.

Finora era stato adottato un modello simile a quello francese, con i provider impiegati per avvisare i condivisori dei pericoli che stavano correndo continuando a diffondere materiale di cui non detengono i diritti, cioè la disconnessione.

Lord Carter, autore del rapporto, propone di sollevare i provider da quest'incarico e di creare invece un'autorità, una Rights Agency, che vigili sulla situazione della pirateria e intervenga tramite campagne di sensibilizzazione sul tema e le "soluzioni tecniche a supporto del copyright".

In pratica i provider non dovrebbero più assumere il ruolo di "cattivi della rete", limitandosi ad avvisare gli utenti del fatto che le loro attività illegali sono state individuate, ma senza minacciare la disconnessione.

Dovrebbero in compenso raccogliere informazioni anonime su chi violi il diritto d'autore e informarne i detentori del copyright su ordine del tribunale.

Per finanziare questa agenzia Lord Carter propone l'istituzione di una nuova tassa, che potrebbe essere di 20 sterline l'anno per ogni linea ad alta velocità.

Gli utenti, dal canto loro, dovrebbero rinunciare a parte della propria privacy affinché gli Isp possano controllare il loro traffico e individuare i condivisori e sottostare a delle non meglio specificate "soluzioni tecniche" dietro cui appare minacciosa l'ombra del Drm.

Infine, potrebbe apparire un "contributo modesto e proporzionato" che gli "attori del mercato" dovrebbero versare, e i cittadini già temono di finire per dover pagare una nuova tassa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Dimentichiamo che in inghilterra c'è ancora il re :old: Leggi tutto
4-2-2009 12:16

Come sarebbe a dire "chi volete che le paghi" ? Benedetto ragazzo, ma lo sai come funzionano le imposte indirette (semplifichiamo: l'IVA) ? Si applicano come sovrapprezzo sui beni e quindi le paghi nel momento in cui compri qualcosa. Eccome se le paghi... Leggi tutto
3-2-2009 23:21

Allora saremo tutti evasori delle tasse. Chi volete che la paghi? Leggi tutto
3-2-2009 15:50

Simpaticissimi, pagano le spie per dargli una manciata di affari loro. :D Leggi tutto
3-2-2009 12:00

Ahhhh, questi simpatici inglesi. Sarà humor britannico?!? :roll:
2-2-2009 19:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Controlli su Facebook le tue (o i tuoi) ex?
No, non ci penso proprio.
A volte guardo il loro profilo o i loro gli aggiornamenti di stato.
Sì, controllo ogni loro mossa.
Le ex (o gli ex) in genere non sono miei amici di Facebook.
Ma quale Facebook! Io uso Twitter (o Google+ o altro social media).

Mostra i risultati (1727 voti)
Agosto 2020
Mozilla licenzia il 25% dei dipendenti
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics