Facebook risponde alla censura del governo italiano

La risposta del social network alla recente legge che permette al nostro governo di bloccare qualunque sito a proprio piacimento.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-02-2009]

Facebook risponde censura governo italiano

Bloccare l'accesso a tutto Facebook per colpa della presenza di alcuni gruppi discutibili è come chiudere un'intera rete ferroviaria a causa della presenza di alcuni graffiti offensivi in una singola stazione: così Facebook risponde alla proposta censoria avanzata dal governo italiano.

Il problema era nato a seguito della scoperta di alcuni gruppi inneggianti a criminali riconosciuti, da Riina agli stupratori di Guidonia. La soluzione? Mettere il bavaglio a Internet, incuranti di quanti usano lo stesso strumento per fini più che leciti.

I provider, naturalmente, avrebbero dovuto essere lo strumento della censura, applicando i filtri secondo le disposizioni del Ministero dell'Interno, pena una multa salata.

Sembra che per quanti siedono a Roma Facebook sia il ricettacolo - almeno per adesso, fino alla prossima moda - di ogni malvagità. Qualcuno dovrebbe far loro notare, che il social network è complesso quanto il mondo reale, e che a fronte di 433 fan di Provenzano ce ne sono 369.463 di Falcone e Borsellino.

Il senatore Gianpiero D'Alia ha poi cercato di correggere il tiro: non tutto Facebook verrebbe bloccato, ma solo le pagine incriminate.

C'è da chiedersi se il senatore si sia mai chiesto quali difficoltà tecniche la cosa comporterebbe per i provider, i quali potrebbero essere costretti ad ammettere di non poter fare quanto richiesto.

Più passa il tempo, più sembra che i nostri governanti non sappiano che cosa sia Internet né come funzioni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 42)

Ciao Zeross Che Internet non sia amato dal potere politico lo sapevamo, non è una gran notizia, ma la censura oltre che assurda è anche impossibile, come censurare la pioggia? E' difficile, almeno che non oscurino il sito... Piuttosto occorrerebbe perseguire penalmente chi commette apologia di reato, come i fans di Provenzano, ma questo... Leggi tutto
28-2-2009 14:35

A dire il vero la motivazione con cui si creo FB era quello di permettere a ex studenti di potersi ritrovare in un paese, come gli stati uniti d'america, caratterizzato da una forte mobilità interna. Infatti se qualcuno di voi a mai provato ad iscriversi si sara reso conto che una delle prime scelte che viene chiesta al momento... Leggi tutto
27-2-2009 16:06

Ciao Naturuzzu In origine l'intento dichiarato era la socializzazione, se poi viene tradito, scusa ma a me "non me ne può fregà de meno", non è affar mio, e se dovesse venire censurato o oscurato non sono certo io a piangere per questo, ma semmai i tanti "Ego smisurati" che resteranno chiusi fuori Celestia
27-2-2009 15:15

Buongiorno a tutti :D ,se permettete volevo esprimere ciò che penso in riferimento all'argomento in questione.Volevo dire che sono d'accordo con l'utente "Celestia".Facebook secondo me è lontano dal concetto dei social network,come luogo di incontro e di socializzazzione per l'appunto.E' diventato piuttosto la ricerca... Leggi tutto
27-2-2009 13:42

Ma scusa lo capisci che quello che dici non ha alcun senso? Vorresti insegnare tu come dovrebbe essere un social network a chi ha realizzato il social network piu' usato del mondo? Andiamo... :-) Se non ti piace Facebook non utilizzarlo, ma non andare in giro a dire che e' stato snaturato dagli intenti originari, o che chi l'ha... Leggi tutto
26-2-2009 15:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi non ha pagato l'assicurazione auto verrà individuato grazie a una serie di controlli incrociati con videocamere stradali e dati del Ministero. Che cosa ne pensi?
L'uso della tecnologia è diventato troppo invadente. Ogni giorno ci viene sottratta un'ulteriore fetta di privacy.
Ben vengano i controlli, se servono a diminuire le tasse (o i premi di assicurazione) di quelli che onestamente le pagano.
Il provvedimento va a colpire soltanto i disperati, che con la crisi cercano di arrangiarsi.
I veri evasori non si faranno certo acchiappare con questi mezzucci.
Prima di tutto bisognerebbe abbassare i costi delle assicurazioni.
Io non pago né l'assicurazione auto, né il canone Rai, né niente!
Viaggio solo in autobus o in bicicletta, non mi riguarda.

Mostra i risultati (2348 voti)
Luglio 2020
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Tutti gli Arretrati


web metrics