Sei infetto? Ti aiuta Microsoft!

Il dilagare dei virus non è dovuto soltanto all'incoscienza di alcuni utenti che cliccano su tutti gli allegati che ricevono: molto spesso anche il software ha le sue colpe, per esempio quando un allegato viene eseguito semplicemente visualizzando l'anteprima del messaggio. E allora impariamo a rivolgerci ai servizi di assistenza delle aziende che hanno sviluppato i programmi bacati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-12-2001]

Il virus BadTrans.B continua a essere un flagello di tutta Internet, segno che molti utenti ne sono rimasti infetti e non se ne sono ancora accorti, o magari se ne sono accorti perché ricevono e-mail di insulti da coloro ai quali hanno a loro volta ritrasmesso il virus, ma non sanno come fare per liberarsene -- sia del virus, sia degli amici infuriati. Ecco dunque come fare per capire se BadTrans.B vi ha preso di soppiatto.

Innanzi tutto, non correte alcun pericolo se non usate Windows, che è l'unico sistema operativo colpito da BadTrans.B. Sissignore. Utenti Linux, BeOS, Mac, OS/2, concedetevi un legittimo sorriso di autocompiacimento. Ogni tanto andare controcorrente serve. Se usate Windows, siete a rischio, per cui adoperate la funzione Trova (Start - Trova - File o cartelle) per cercare questi file: kernel32.exe (da non confondere con kernel32.dll, che è un file legittimo di Windows), kdll.dll, cp_25389.nls, protocol.dll.

Se ne trovate almeno uno, siete infetti; altrimenti siete a posto, ma per evitare di infettarvi in seguito dovete installare di corsa un antivirus e fargli ispezionare tutto il computer. BadTrans.B può infatti restare annidato nelle cartelle del computer in cui ricevete gli allegati.

Una cosa che nel fervore dei frettolosi rimedi contro BadTrans.B può essere passata in secondo piano è che il virus può infettare anche chi non usa Outlook. In realtà la falla che consente l'infezione è in Windows, non in Outlook, per cui qualunque programma di posta usiate, BadTrans.B può infettarvi. La differenza fra chi usa Outlook e chi usa altri programmi di posta per Windows è che l'utente Outlook, se non installa le patch di aggiornamento, viene infettato automaticamente; l'utente di altri programmi di posta, invece, deve proprio eseguire volontariamente l'allegato al messaggio infetto, che costituisce il virus vero e proprio. In altre parole, se la deve proprio andare a cercare. Quindi se anche non usate Outlook, riceverete lo stesso il virus, che resterà inattivo nella cartella in cui ricevete abitualmente gli allegati, e se vi farete sopra un doppio clic, vi infetterete. Meglio dunque cancellare.

Anche se non trovate tracce di virus, se usate Outlook e Internet Explorer 6.0 o 5.5 SP2 è indispensabile scaricare e installare gli aggiornamenti di sicurezza, disponibili gratuitamente presso questo sito ora anche in versione italiana.

Per i più taccagni che non vogliono spendere per un antivirus ci sono alcuni programmi gratuiti, da scaricare ad esempio presso Symantec e Bit Defender. [Sono in debito con Zane per questa segnalazione.]

Ma attenzione: rimuovono soltanto questo virus specifico, e questo significa che alla prossima epidemia sarete di nuovo a rischio. Meglio investire in un buon antivirus e nei suoi aggiornamenti.

Tuttavia il grandissimo pregio di questi antivirus specifici è che a parte essere gratuiti sono anche piccolissimi, per cui si scaricano anche via modem in pochi secondi, a differenza degli elefantiaci antivirus di marca. Quindi se vi capita la chiamata di soccorso di un amico colpito da BadTrans.B, potete fare un intervento rapido e indolore con questi miniprogrammi. Seguito, s'intende, da una sana ramanzina sulla sicurezza informatica, che garantisco verrà prontamente ignorata, a meno che siate graziosi membri del gentil sesso accorsi in aiuto di un giovanotto cotto di voi.

Questo articolo CONTINUA...

1 - Alcuni rimedi veloci contro BadTrans
2 - Quando è colpa di Microsoft, chiedete aiuto a Microsoft

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (786 voti)
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Windows 7 e Windows 8: Microsoft annuncia la fine del supporto
Telefonia, inizia l'era degli aumenti infiniti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 31 gennaio


web metrics