Truffa online anche per Tim Berners-Lee

Il padre del Web, vittima di un raggiro via Internet, auspica che i crimini online siano perseguiti più seriamente. I computer infetti vengano disconnessi da Internet.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-03-2009]

Tim Berners-Lee padre del Web truffato online

Tutti coloro che hanno fatto acquisti via Internet e sono stati raggirati hanno ora di che consolarsi: se c'è cascato anche lui, vuol dire che non sono solo gli sprovveduti a venire truffati nel Web.

"Lui" è sir Tim Berners-Lee, l'ideatore del World Wide Web, il quale ha recentemente festeggiato i primi 20 anni della propria creatura inneggiando a una Rete libera e rispettosa della privacy, ma che ha anche bisogno di essere più sicura.

"La cosa peggiore che mi sia mai capitata è successa quando ho cercato di comprare un regalo di Natale da un'azienda su Internet che mi sembrava seria, ma che in realtà era una compagnia completamente fasulla".

Berners-Lee ci ha così rimesso i soldi spesi per il regalo, non ha mai ricevuto il pacco richiesto e, quando ha tentato di chiamare il numero indicato sul sito dell'azienda per i reclami, ha trovato "un messaggio molto educato col quale mi si informava che il numero era disponibile. Un po' di attenzione da parte mia mi avrebbe rivelato che non era ciò che sembrava".

Dato che però non tutti sono abbastanza "attenti" da indagare a fondo ogni volta che fanno un acquisto online, Berners-Lee chiede che i crimini online vengano perseguiti tanto duramente quanto quelli che si perpetrano nel mondo reale: "A volte abbiamo bisogno di nuove leggi, ma in altri casi dobbiamo solo capire che le vecchie leggi possono ancora essere applicate al Web".

"La legge sulle frodi, per esempio, esiste ma è difficile trovare e catturare i responsabili" spiega ancora il padre del Web, il quale è pienamente cosciente della natura ambivalente della Rete, che ospita un po' di tutto: "nel Web ci sono molte cose positive, ma anche cose orribili".

Per questo motivo i provider dovrebbero assumere un ruolo attivo nel rendere Internet un posto più sicuro; l'ideale sarebbe un sistema che disconnetta dalla Rete i computer infetti finché non vengono ripuliti: "sarebbe un sistema per preservare il sistema per tutti gli altri, ridurrebbe lo spam e trasformerebbe Internet in un posto dove i virus non possono sopravvivere".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

{utente anonimo}
Maaaa.... Disconnettere dalla rete i computer infetti? e da dove lo scarichi l'aggiornamento all'antivirus allora? E se uno ci sta lavorando? ZAC! alla connessione perché, senza averne colpa, è diventato parte di una botnet? Oltre il danno la beffa e altro danno? "finche non saranno ripuliti" cosa vuol dire? che gli isp... Leggi tutto
17-3-2009 17:29

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Pensi che il carpool dinamico (passaggi a utenti che fanno lo stesso percorso organizzandosi via web o smartphone) sia una buona soluzione per diminuire il traffico e abbassare i costi?
E' una buona idea, a patto che sia sicuro, il costo sia basso e non si debba essere legati ad alcun utente.
Non credo che funzionerà in Italia.
Non ne sono sicuro, ma potrebbe funzionare.
Controllerei le referenze dell'autista designato prima di salire sulla sua auto. Ma utilizzerei il servizio.
Parteciperei volentieri perché è un'ottima idea!
Potrei usufruirne, anche per ridurre l'inquinamento, anche se ho la mia auto. Qualche volta potrei fungere da autista.

Mostra i risultati (1598 voti)
Agosto 2020
Mozilla licenzia il 25% dei dipendenti
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics