Mauro Masi, l'uomo delle major

Il nuovo direttore generale della Rai potrebbe essere la figura che le major cinematografiche da tempo attendevano.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-04-2009]

mauro masi

Finalmente (o forse purtroppo) alla Rai c'è un uomo per tutte le stagioni; perché le cose edificanti ormai accadono solo nei film. Forse è sfuggito ai più o forse ai più è convenuto far finta di nulla, vista l'aria che tira; ma la recentissima nomina di Mauro Masi quale direttore generale della Rai può avere altri significati oltre a quelli politici sinora attribuiti.

Il professor Mauro Masi non è soltanto un colto, espertissimo comunicatore professionale (non per nulla ha ricevuto a tale titolo un premio nel '98 da parte del gruppo Pubblicità Italia), e contemporaneamente non è uno di quei tecnici mascherati da politici ai quali i politicanti di professione corrono appresso, offrendogli incarichi e prebende e tirandoli per la giacca. Non deve trarre infatti in inganno la circostanza che il professore abbia ricevuto incarichi nell'ambito di pressoché tutti i governi in carica, dal 1996 ai giorni nostri.

La verità è che Mauro Masi potrebbe essere "l'uomo delle major", essendo sin dal principio in posizione ideale prima per comprendere (e far suoi) i loro pur legittimi interessi e successivamente sempre in posizione di rappresentarli e difenderli a livello istituzionale.

A dimostrazione infatti che gli opposti si toccano, la sua nomina è avvenuta senza il pur minimo sobbalzo né da destra né da sinistra; anche se si potrebbe anche sostenere, e forse con maggior aderenza alla realtà, che quelli che si toccano, a talvolta si assommano, sono gli interessi sia dell'una sia dell'altra parte politica.

Capo Dipartimento della Presidenza del Consiglio dei Ministri nel '96 per l'Informazione e l'Editoria, membro del Comitato per la politica dell'Informatica e TLC, vice presidente del Comitato di Autoregolamentazione TV, è titolare del Corso di economia ed organizzazione delle imprese editoriali dal 1999 al 2005 (governi D'Alema, Amato e Berlusconi 2-3), è ispiratore ed estensore della legge sui punti vendita dei prodotti editoriali, nonché della legge 2000 n. 248 sul diritto d'autore e 2001 n. 62, nonché estensore del Regolamento circa l'applicazione della legge 2000 n. 150 sulla "comunicazione istituzionale".

Ciò forse gli varrà nel gennaio 2007 (Prodi 2) la presidenza dell'Organismo di vigilanza dell'Istituto Luce (ex MinCulPop, tanto per ricordare un po' di storia), varato, guardacaso, sempre nel fatidico 2001. Perché è proprio in quell'anno e in quelli immediatamente successivi che il professor Masi potrà dimostrare tutta la sua bravura e competenza professionale: Vice Segretario Generale alla Presidenza del Consiglio dei Ministri ancora nel 2001, l'incarico politico non gli impedisce di proseguire nella sua prediletta attività riorganizzatrice.

Commissario straordinario della Società Italiana Autori ed Editori dal 1999 con primo Governo Prodi, in qualche anno riporta in attivo la SIAE riformulando accordi con INPS, Finanze (per la riscossione abbonamenti), ENPALS (Lavoratori dello Spettacolo) e le associazioni di distribuzione cinematografica (UNIDIM) che vedono iscritte sia aziende di primaria importanza quali Medusa, Warner, Uip, Columbia, Eagle Pictures con molte delle altre piccole società, realizzando accodi sulla vigilanza degli incassi nella sale cinematografiche.

Sempre quale commissario straordinario della SIAE, il 2002 lo vede presidente della FastTrack, intesa con sede a Parigi, nata ovviamente nel 2001 tra le società che producono la gran parte dei diritti d'autore al livello modiale e si vantano di rappresentare oltre 500.000 autori. Tra i membri fondatori di "FastTrack-The digital Copyright Network" sono, oltre alla SIAE, l'americana BMI, la tedesca GEMA, la francese SACEM e la spagnola SGAE, alle quali si sono poi unite l'austriaca AKM, la belga SABAM e la svizzera SUISA.

Per la verità, sui successi di Masi quale comunicatore potrebbe sorgere qualche dubbio, ove si pensi che a suo tempo fu vicepresidente della Commissione che ha realizzato la "Campagna di informazione nazionale straordinaria sull'introduzione dell'euro" e che attualmente è membro (Berlusconi 3) del gruppo di lavoro interno quale esperto per la comunicazione e l'informazione della Commissione Intergovernativa per la nuova linea ferroviaria Torino-Lione.

Sulle valenze in termine di capacità di comunicazione ognuno è ovviamente libero di pensarla come vuole, anche perché i governi Berlusconi gli hanno costantemente rinnovato la fiducia nel tempo: coordinatore nel 2003 della Presidenza del Consiglio dei ministri relativamente al semestre di presidenza al Consiglio d'Europa, dallo stesso anno è altresì membro del consiglio di amministrazione e del Comitato di Gestione del Fondo separato dell'INPGI e nel 2004 alter ego del ministro Stanca presso l'ONU per introdurre l'Internet nei Paesi in via di sviluppo.

Cambiare la guida politica del Paese non vuol certo significare la dismissione della fiducia e dei relativi incarichi, visto che nel 2005 (2░ governo Prodi) fu membro del Consiglio superiore delle Comunicazioni e nel 2006 Capo Gabinetto dell'onorevole D'Alema, all'epoca vicepresidente del Consiglio dei ministri che verso la fine dell'anno delegò Masi a rappresentare in Europa le esigenze della proprietà intellettuale, mentre gli veniva offerta la cattedra del corso "Diritto d'autore e della concorrenza tra i media" presso l'Università San Raffaele di Milano per gli anni accademini 2006-2008.

Solo il futuro potrà raccontare se e quali cambiamenti porterà la nomina di Mauro Masi; quel che è certo è che ora come ora gli interessi del nostro massimo editore privato, che casualmente è anche a capo del governo in carica, coincidono con l'esperienza e la indubbia professionalità del responsabile operativo dell'editore istituzionale pubblico.

Vedremo cioè se la contestata soluzione Hadopi di prossima attuazione in Francia e forse estesa in Europa non sarà che un biscottino, in attesa di un prossimo "continental crackdown" qui pensato, realizzato e poi esportato ovunque.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

conosco Masi ed Ŕ uno che sta con tutti. alla SIAE ha sanato il bilancio svendendo gli immobili agli "amici" e combinandone di tutti i colori. da ultimo prima di andarsene ha assunto suoi "amici" come dirigenti e si Ŕ fatto una delibera che prevedeva per lui, dopo il suo commissariamento, la macchina, l'autista ed i... Leggi tutto
8-4-2009 11:56

Un barbouze travestito da manager o un manager che fa il barbouze? Leggi tutto
7-4-2009 20:05

Masi e sopratutto un organizzatore, un tessitore di trame, colui che al riparo dagli occhi indiscreti realizza gli schemi ed attua i progetti. :hide: Per questo credo che se lui Ŕ veramente l'uomo delle major assisteremo allora ad un improvviso silenziamento di tutti quegli estemporanei tentativi cialtoneschi effettuati da Vallette... Leggi tutto
7-4-2009 16:42

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Parlamento una proposta di legge vorrebbe obbligare i nuovi esercizi pubblici (ristoranti, negozi e via dicendo) a mettere a disposizione gratis degli utenti la possibilitÓ di navigare col Wi-Fi in Internet. Secondo te...
╚ una novitÓ giusta e moderna.
╚ un obbligo (costoso) in pi¨, da evitare.
Ottimo, ma si dovrebbero prevedere degli sconti fiscali per l'esercente.
La connessione sarÓ lenta, e poi con gli smartphone il Wi-Fi chi lo usa oggi?
Non mi interessa.
Non saprei.

Mostra i risultati (2596 voti)
Ottobre 2021
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 ottobre


web metrics