Online il Dna di 13.000 persone

In Rete tutti i dati personali, anche delle loro famiglie, per studiare la trasmissione delle malattie ereditarie.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-05-2009]

Personal Genome Project 13.000 volontari

Sono già 13.000 i volontari che hanno aderito al Personal Genome Project (Progetto Genoma Personale) lanciato l'anno scorso e partito in piccolo con la partecipazione iniziale di 10 pionieri incuranti della propria privacy.

Aderire è piuttosto semplice: basta consegnare delle foto personali, la storia famigliare e un campione di Dna, oltre naturalmente a dichiarare di aver compreso che tutte le informazioni fornite saranno rese pubbliche.

Tutti i dati (occorrono circa 6 Gbyte per ogni soggetto) saranno infatti messi online insieme a quelli di altre decine di migliaia di persone: l'obiettivo della prima fase, infatti, è raggiungere i 100.000 iscritti.

A parte i nomi, il Pgp espone in Rete qualunque informazione sui partecipanti. Lo scopo? Favorire la ricerca medica delle malattie a carattere ereditario, creando un campione estremamente vasto e al quale chiunque possa dare un'occhiata, scoprendo magari connessioni sfuggite ad altri.

George Church, il professore della Harvard Medical School che guida il progetto, ritiene importante la condivisione dei dati non solo con i medici, ma con ogni genere di scienziato: "siamo molto eccitati all'idea di veder partecipare informatici, matematici, fisici e via di seguito" alla ricerca di ciò che gli esperti possono trascurare.

Anche perché gli obiettivi vanno al di là della semplice ricerca medica. Secondo Church, entro pochi anni tutti disporremo di una tessera, di un chip o comunque di un sistema di memorizzazione che conterrà il nostro genoma, utilizzabile per finalità che oggi forse non immaginiamo neppure.

Per ora, il professore si accontenta dei dati di 100.000 persone, ma ritiene di poterli usare per trarre benefici utili a tutti i 6 miliardi e più di abitanti della Terra: "Stiamo cercando di costruire un modello in cui, se anche solo 100.000 persone su 6,5 miliardi condivideranno le proprie informazioni, ciò sarà sufficiente per aiutare tutti".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

La quantità di memoria necessaria per contenere il genoma id tutta la popolazione della terra genera un numero difficilmente scrivibile e comunque superiore alle attuali capacità di immagazzinamento. E se poi si riuscisse ad immagazzinare il genoma di tutti l'accessibilità ad una database cosi vasto sarebbe problematica con le... Leggi tutto
21-5-2009 22:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale diventerà realtà per prima?
Le aule intelligenti: conosceranno gli alunni e offriranno un'esperienza di apprendimento personalizzata ed efficace.
Torneremo a fare la spesa sotto casa: i negozi uniranno la varietà degli acquisti online al piacere di fare acquisti direttamente in un posto conosciuto.
Useremo il DNA per stabilire terapie su misura: cloud computing e computer congnitivi rendereanno l'esame del DNA veloce ed economico.
Un guardiano digitale sostituirà le password: conoscerà le nostre abitudini e individuare i tentativi di furto d'identità.
Smart City: le città faranno arrivare sugli smartphone dei cittadini informazioni personalizzate basate sulle abitudini e le preferenze degli abitanti stessi.

Mostra i risultati (1213 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics