Fieg denuncia Google all'Antitrust

Gli editori accusano Google di abuso di posizione dominante. La causa è ancora una volta il servizio News.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-08-2009]

Antitrust indaga su Google News Italia

Non è solo il Guardian a scagliarsi contro Google News, reo di sfruttare a proprio piacimento i creatori di contenuti: anche la Fieg (Federazione Italiana Editori Giornali) ha qualche rimostranza, concretizzatasi in una segnalazione all'Antitrust.

Così l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha avviato un'istruttoria nei confronti di Google Italia: vuole scoprire se la società - già predominante nel settore della ricerca online - abusi della propria posizione nel mercato della pubblicità sul web.

La Fieg contesta infatti a Google News di avere "un impatto negativo sulla capacità degli editori online di attrarre utenti e investimenti pubblicitari" in quanto i primi si fermerebbero alla pagina di Google e i secondi, di conseguenza, non avrebbero interesse a investire nei singoli siti.

Inoltre gli editori si sentono sottoposti a pressione da parte di Google: da un lato possono concedere i propri contenuti affinché appaiano tra le notizie, ma in questo caso non hanno una remunerazione diretta per il loro utilizzo; dall'altro possono rifiutarsi ma in quel caso - accusa la Fieg - vengono esclusi anche dal motore di ricerca.

Scomparire dal motore più usato equivale quasi a scomparire da Internet (almeno per i siti meno conosciuti) e quindi chi non vuole svanire nel nulla deve sottostare alle condizioni di Google, o così almeno sostengono gli editori.

L'Antitrust ha notificato oggi a Google Italia l'apertura dell'istruttoria: ora si tratta di vedere se l'indagine confermerà le accuse.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

:ok!: Leggi tutto
8-9-2009 22:47

beh si era un'analogia un po' forzata. ieri notavo che firefox mostra la scritta google analitics o qualcosa del genere quando vado su certi siti... lo capirei se avessi usato google ma se sono andato direttamente sul sito digitando l'url... strano no?
29-8-2009 15:09

Scusami sai, non vorrei apparire cavilloso e forzatamente ostile verso Microsoft, ma la questione di IE preinstallato è molto differente. Lì si approfitta della posizione dominante in un settore, i Sistemi Operativi, per penetrare nel settore dei browser ostacolando la concorrenza, che non può ovviamente offrire la stessa integrazione... Leggi tutto
28-8-2009 11:52

Pluralità e libertà d'informazione Leggi tutto
28-8-2009 11:18

Sinceramente ho dubbi che esistano i presupposti per parlare di abuso di posizione dominante. Infatti un tale "abuso" si configura quando si ostacola la concorrenza non quando semplicemente si è raggiunta una "posizione dominante". Un classico esempio è l'integrazione di Internet Explorer in Windows. Ma quando la... Leggi tutto
28-8-2009 11:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (3651 voti)
Dicembre 2021
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 dicembre


web metrics