Niente open source per Renato Brunetta

Il software pensato alla maniera di Microsoft dopo una grande bolla sta sempre più declinando; Unix ritorna in campo con l'open source come cavallo di battaglia. Ma in Italia il governo va dalla parte opposta.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-10-2009]

renato brunetta

Dopo le recenti notizie sui disservizi basati su piattaforme Microsoft e la lettera aperta al ministro Renato Brunetta (che non ha ancora risposto) inviata dall'Associazione Software Libero a proposito dei costosi protocolli d'intesa sottoscritti dalla Pubblica Amministrazione con Microsoft (che ad esempio fattura in Irlanda le licenze software vendute in Italia, con relativo danno economico per noi), suscita perplessità l'idea di ricerca, innovazione e abbattimento dei costi tanto pubblicizzata dal ministro.

Che un politico non abbia competenze tecniche informatiche è comprensibile: non è il suo mestiere; tuttavia è compito di ogni politico e più in generale di ogni dirigente saper formare uno staff tecnico competente che lo consigli nelle questioni non di sua competenza diretta; in più è compito di ogni politico e di ogni dirigente tenersi informato su cosa accade nell'ambiente circostante.

La notizia del centro di controllo della rete elettrica australiana è solo l'ultima di una vasta serie di casi eclatanti; citiamo per esempio le relativamente recenti decisioni della Borsa di Londra (fusa con la nostra Borsa di Milano) che tra l'altro sembra abbattano i costi in maniera più che significativa.

Senza entrare nel comparto tecnico, guardando un po' in giro possiamo notare che servizi come le Ferrovie italiane, tedesche e svedesi girino su piattaforma Linux (come le principali banche italiane), mentre le ferrovie svizzere utilizzano Sun Solaris (dopo una esperienza con Microsoft) e quelle spagnole siano su IBM Aix.

Le nostre Poste sono su Solaris come numerose grandi aziende, per esempio Vodaphone, Toshiba, HP, senza voler arrivare a Google o Yahoo! o al sito del Parlamento Italiano.

Insomma un po' di esempi non mancano: il trend e lo stato attuale e passato del mercato, se si è un minimo informati, sono facilmente comprensibili. È poco chiaro come mai per ridurre i costi e stroncare le inefficienze si debba finanziare Microsoft con fondi pubblici (senza neppure una gara d'appalto), un'azienda che all'Italia non porta granché e che, stando agli esempi sopra citati e allo stato del mercato, non è in grado di fare innovazione e men che meno ridurre i costi.

I prodotti di questa azienda non sono nati e non sono alla prova dei fatti in grado di soddisfare esigenze di stabilità, sicurezza e trasparenza richieste da servizi critici come possono esserlo quelli governativi.

Osservando l'IT governativo italiano, anche da piccoli spunti come i software per la compilazione della denuncia dei redditi (realizzati in linguaggio Java su più macchine virtuali obsolete, e distribuiti in modo da blindarli senza nessuna ragione tecnica evidente) viene in mente l'affermazione del senatore a vita Andreotti "A pensar male si fa peccato, ma si indovina". Non osiamo pronosticare quale futuro avrà l'IT in questo Paese.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 22)

Giustamente l'Open non è gratis! Certe "licenze" (metto tra virgolette perchè non sono le classiche licenze) costano più che con Windows. Esistono studi di settore sia da parte Linux (costruttori e distribuzioni) che da parte Microsoft, per quello che conosco, i primi non sono stati contestati mentre i secondi sono stati... Leggi tutto
9-10-2009 02:33

Siamo alle solite...siamo confusi e non riusciamo a cavare il ragno dal buco. Per esprimere un giudizio sensato mancano un paio di cosette semplici semplici: la trasparenza e l'accountability. Quale sia la scheda di preferenza con la quale si sceglie di andare verso MS non è dato sapere, né tantomeno si potrà render conto ai... Leggi tutto
9-10-2009 01:14

Dunque il problema è riconducibile al ministro Brunetta e non al S.O. E Brunetta non è sicuramente Open Source. :roll:
8-10-2009 19:52

NDR: Esistono i video su Yutube! Ciao Leggi tutto
8-10-2009 16:07

Sono un programmatore Java, vuoi che non sappia certe cose? Ma quando "vendi" cerchi di di dire "Il programma cosa xxxx se vuoi con x va anche su altri OS e poi l'assistenza per aggiornarlo costa solo x e cosi' via..." Il cliente vede xxxx ma non x e accetta tutto il blocco. Invece quelli prendono il programma che... Leggi tutto
8-10-2009 15:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Numerosi utenti lamentano disservizi con i coupon-sconto. Quale di questi inconvenienti giudichi più grave?
La difficoltà nell'ottenere i rimborsi (o l'avere come rimborso un altro coupon anziché i soldi).
Non avere un livello adeguato di assistenza al cliente.
L'impossibilità di prenotare un servizio nonostante si sia acquistato il voucher (a causa di scarsa disponibilità da parte di chi eroga quel servizio).
Il trattamento diverso, da parte di chi eroga il servizio, nei confronti di chi paga con un coupon rispetto agli altri clienti.
Il ritardo nella consegna dei prodotti.
La non corrispondenza dell’acquisto effettivo con l’offerta iniziale.
La mancanza di modalità specifiche per i reclami.
Il fatto che l'esercizio per il quale si è acquistato il voucher ha chiuso o il servizio non è più attivo.
La mancata emissione della ricevuta fiscale da parte dei portali.
Non ho mai riscontrato alcuno di questi inconvenienti.

Mostra i risultati (985 voti)
Marzo 2019
I 15 marchi italiani più noti al mondo
Otto consigli sul backup per non perdere il lavoro di una vita
PrimeOS riporta in vita i vecchi PC con un sistema basato su Android
WhatsApp in crisi, Telegram guadagna milioni di nuovi utenti
I portatili HP rischiano di prendere fuoco per colpa della batteria
La rete e il mercato dei guardoni
Effetto Iliad: Vodafone dichiara 1.130 esuberi
Google: C'è una falla in Windows 7, passate a Windows 10
Intelligenza artificiale genera volti, appartamenti, manga. E gattini
Falla in Word permette di aggirare i sistemi di sicurezza
Facebook: tutti possono trovarvi dal numero di telefono, anche nascosto
USB 4, velocità sino a 40 Gbit/s e tutti i benefici di Thunderbolt
Da Western Digital la microSD da 1 Tbyte più veloce del mondo
Febbraio 2019
A proposito di quell'intelligenza artificiale di OpenAI troppo pericolosa da pubblicare
Swatch contro Samsung: Ha copiato i nostri orologi
Tutti gli Arretrati


web metrics