La chiusura di Pirate Bay favorisce il file sharing

Quando la Baia non è disponibile aumenta di colpo il numero dei siti da cui scaricare materiale protetto e malware.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-11-2009]

Quando The Pirate Bay scompare dalla Rete (com'è successo lo scorso agosto), sia pure temporaneamente, il numero di siti di file sharing aumenta di colpo.

Nel terzo trimestre di quest'anno - quando ci sono stati i tentativi più consistenti di chiusura del tracker BitTorrent - l'aumento è stato del 300%.

A rivelarlo sono i dati pubblicati McAfee dai quali si deduce non solo che fermare Pirate Bay è praticamente inutile - se lo scopo è ridurre la pirateria - ma anche pericoloso.

Buona parte dei siti spuntati in Rete conteneva materiale pirata solo all'apparenza mentre in realtà diffondeva a piene mani malware e, in particolare, scareware.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

Oramai è un guadagno l'antipirateria che costa molto ma molto di più che permettere la pirateria! :lol: :lol: :lol: Ciao Leggi tutto
8-11-2009 00:37

Non serve sì, ci sono nel web infiniti modi per scaricare film e condividere files anche senza usare programmi p2p o tracker. I pedofili usano canai diversi ma dato che questo fenomeno non da fastidio economicamente alle major e company allora nessuno fa nulla. :evil:
4-11-2009 22:18

Sappiamo tutti (o no?) che chiudere i siti tipo la Baya è perfettamente inutile. Ma il fatto è che i grandi papaveri devono far pur vedere che fanno qualcosa, no? :wink:
4-11-2009 10:23

Anche da PirateBay si poteva scaricare materiale protetto da copyright, magari malware un pò di meno. Non per questo chi si becca una bella infezione al pc può dar la colpa a ci ha chiuso Pirate Bay, o si? :roll: Leggi tutto
4-11-2009 09:24

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (1909 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics