La class action decolla in Italia

Le maggiori banche faranno da test alla legge sull'azione collettiva entrata in vigore all'inizio del 2010; sarà possibile sorvegliarne lo svolgimento dal sito del Ministero per l'innovazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-01-2010]

class

Varata in fretta e furia dal governo uscente in occasione della Finanziaria per il 2008, con il solito guazzabuglio di norme illegibili o di fatto inapplicabili, e più volte rinviata, la vecchia normativa aveva il difetto di privilegiare l'azione esclusiva degli organismi di rappresentanza dei cittadini, cioè di fatto i soli sindacati o le maggiori associazioni dei consumatori.

Si tratta di organizzazioni in larga misura politicizzate e quindi di solito poco attente agli interessi collettivi, se non nell'ottica dei propri organismi direttivi ed autoreferenziali; quanto alla difesa degli interessi singolarmente lesi, manco a parlarne: l'azione era impossibile ex lege, essendo l'azione riservata ai suddetti "organismi rappresentativi".

C'è da dire che probabilmente il legislatore ebbe a temere che un popolo tradizionalmente litigioso come il nostro, avendo a che fare con una burocrazia scassata, con una classe di commercianti impuniti e con un sistema bancario e assicurativo percepito cone fraudolento, avendone il mezzo avrebbe prodotto lo scoppio contemporaneo di centimaia di migliaia di vertenze che non sarebbero state fronteggiabili neppure da un sistema di salvaguardia sociale ben più agguerrito del nostro.

Con le modifiche ora entrate in vigore, anche il singolo potrà invece iniziare un'azione avverso le "prepotenze" le "disattenzoni" e gli intenti talvolta fraudolenti delle aziende pubbliche e private. Restano escluse (ovviamente, ma non troppo) le azioni contro gli eventuali "errori" e prevaricazioni talvolta sostanziali delle pubbliche amministrazioni, avverso i malcomportamenti delle quali esistono i ricorsi gerarchici e amministrativi salvo il ricorso a giudice togato nei casi previsti dalla legge.

Un altro limite consisterà nella sospensione del giudizio quando esista un ricorso amministrativo nel merito; e ciò, anche se comprensibile, è un vero peccato, perché sembrerebbe sottrarre di fatto tutte le possibili azioni avverso Equitalia e le sue ormai storiche "bollette pazze": potrebbe essere sufficiente il contenzioso su un singolo fatto per bloccare l'azione delle associazioni di categoria.

Si apre per altro da oggi la possibilità dell'azione del singolo cittadino, alla quale possono liberamente associarsi altri singoli danneggiati; innovazione notevole, anche perché sino a ieri i burosauri sostenevano che, in tema di ricorsi amministrativi, ogni interessato doveva farsi parte diligente istituendo un contenzioso a parte per la difesa dei propri interessi lesi.

Comunque, al di là dei probabili difetti dal sistema, da provare e verificare sul campo, il ministro per l'Innovazione sostiene che i giudizi saranno rapidi e l'iter trasparente, compresa la pubblicazione sul sito web del ministero; e i primi a farne le spese saranno i maggiori istituti bancari italiani, chiamati a rispondere del danno ai propri clienti in quanto, come ultimamente emerso, le vessatorie "commissioni sul massimo scoperto" sono state sostituite da una serie di balzelli più o meno nascosti ma superiori nel complesso di diversi ordini di grandezza alle suddette commissioni .

Solo il tempo potrà dire se il danno, oggi quantificato in almeno un paio di miliardi di euro, in caso di vittoria farà la stessa fine del famoso rimborso a seguito delle sentenze sull'anatocismo (interesse composto); ma è indubbio che forse oggi è stata posta la prima pietra a un ammodernamento del "sistema Italia" per allinearlo, almeno in (piccola) parte alle esigenze di una moderna economia basata sulla libera concorrenza.

Bankitalia permettendo, visto che gli organi direttivi dell'Istituto di controllo sono formati - e controllati - proprio dai manager delle banche che dovrebbero essere sorvegliate.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

basterebbe "eliminare" I SOLITI NOTI... magari in modo definitivo :twisted:
5-1-2010 20:59

La proposta della class action era gi stata messa in cantiere dal precedente governo e bloccata sul nascere da quello attuale per aggiungere le varie modifiche (leggi: cavilli per salvare i soliti noti)...
5-1-2010 11:43

Spiacente per te ma una totale presa in giro!!! :cry: :cry: :cry: Ciao Leggi tutto
4-1-2010 21:03

ESATTO :evil: solita cazzata itaGliana, tanto per tirar fumo negli occhi alla gente, in pratica non cambia un cacchio, ACCIDENTI A LORO! Ma creperanno, prima o poi! P.S. meglio prima, prima possibile :twisted: Leggi tutto
4-1-2010 18:50

A voi sembra possibile? :-k A me no... Lo sapremo solo vivendo.
4-1-2010 18:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual tra questi l'evento che attendi di pi?
CES, gennaio, Las Vegas
Mobile World, febbraio, Barcellona
CeBIT, marzo, Hannover
E3, giugno, Los Angeles
Computex, giugno, Taipei
IFA, settembre, Berlino
Smau, ottobre, Milano

Mostra i risultati (981 voti)
Marzo 2020
Windows 10, l'aggiornamento causa problemi di connessione
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Tutti gli Arretrati


web metrics