Da tre schiaffi a una bastonata

La legge Hadopi2 non soddisfa le major francesi e il paladino Sarkozy torna all'attacco nonostante alcune resistenze istituzionali.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-01-2010]

sarco

Nello scambio di auguri natalizi con il ministro della Cultura, l'eclettico presidente francese ha trovato il modo di spezzare un'ulteriore lancia in difesa del diritto d'autore, affermando che benché felice per l'adozione della legge Hadopi "era pronto ad andare ancora più in là".

Ha infatti ribadito la necessità di sperimentare senza indugio il filtraggio dei collegamenti, eliminando automaticamente dai server ogni fonte di pirateria "prima di ricorrere a misure coercitive a carico degli utenti... per evitare che le tecnologie digitali ci riportino all'età della pietra".

In effetti il presidente francese sta mettendo in atto una sua terapia insidosissima per ricondurre alla greppia delle major le pecorelle abituate al pascolo libero (e gratuito) nelle sconfinate praterie dell'Internet.

Ha infatti incaricato un certo Zelnik, nominato a capo dell'omonima commissione creata per studiare i modi di "risarcimento" per artisti e discografici danneggiati dalla "pirateria" di formulare proposte percorribili; e l'incaricato, qualificato "esperto del settore" forse perché CEO di una casa discografica, non ha disatteso la voce del padrone, presentando la soluzione più volte avanzata da Sarkozy in persona: cioè tassare all'origine intenauti e fornitori di accesso.

In cambio, sarà possibile scaricare contenuti protetti dal web mediante l'impiego di una speciale credit card al costo di di 100 o 200 euro, di cui la metà a carico dello Stato.

Ma, avverte Sarkozy, "è essenziale abituare i giovani a pagare ciò che consumano. E non solo i giovani, poiché non si è lasciato sfuggire l'occasione per tirare in ballo la querelle sulla gratuità dell'informazione, lanciando più di un un'occhiata malevola ai vari Google e altri motori di ricerca accusati di "posizione dominante", affermando di aver già incaricato Christine Lagarde, ministro dell'economia, di studiare un apposito sistema di tassazione.

Non può sfuggire a nessuno che la promessa integrazione del costo a carico dello Stato, si scontra con la normativa europea, che la vieta; per cui è facile arguire che poi l'intero ammontare resterà a carico degli utenti, perché i fornitori di connessione non potranno fare altro che trasferire l'ulteriore costo, rivedendo le tariffe al rialzo.

D'altra parte, sul fronte dell'Hadopi non è che il presidente abbia la vita tranquilla, mentre forse si illudeva di aver superato le pericolose secche parlamentari e del Conseil Constitutionel. Infatti la Commissione Nazionale dell'Informatica e Libertà (CNIL) ne sta ritardando l'applicazione, rifiutando di esprimere un parere su due dei decreti che compongono la legge.

Il primo prevede la costituzione di un database di "pirati", contenente cioè i dati personali degli utenti sorpresi a scaricare illegalmente, ma non ancora sanzionati; il secondo invece manca delle modalità di trasmissione al magistrato degli elementi raccolti.

La normativa prevede un parere obbligatorio, ma non vincolante; cioè il governo francese è obbligato a richiederlo, anche se poi non è obbligato ad attenersi alle deliberazioni del CNIL.

I motivi dell'attuale astensione sembrano del tutto plausibili; infatti, come sostiene il Segretario generale del Consiglio, manca ancora il decreto contenente le misure sanzionatorie a carico dei "pirati", per cui non è ancora possibile esprimere il parere richiesto.

Pertanto la normativa completa non vedrà la luce prima di aprile 2010, con gran dispetto del Presidente che ne aveva promesso l'adozione già dall'inizio dell'anno.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 42)

Drin drin, a tutti i partecipanti al 3d (pure io nè). Si ri-prega cortesemente di non uscire dal topic. Si prega di non cominciare a fare varie battutine sugli/tra utenti e cose così. L'equivoco con sorrisi penso che sia chiarito quindi fine, molliamola via. Lo staff vi ringrazia per la cortese attenzione.
13-1-2010 19:41

...E questa era la bastonata. :ahrahr:
13-1-2010 12:33

E comunque MODERA I TONI, stronzetto (frase in tono ironico ovviamente). Leggi tutto
13-1-2010 12:15

Suggerimento Off Topic "absit iniuria verbo" :aureola: Prova a aggiungere un'emoticon esplicativa e fulmine capirà alla prima. Nota: Guarda che fulmine è molto intelligente, senza ombra di dubbio. Alle volte, nei forum, l'ironia può essere male interpretata o addirittura non percepita, mancando completamente un contatto... Leggi tutto
13-1-2010 11:24

Sorrisi, non era proprio palese la cosa, comunque ok, letta con sarcasmo ci sta! Da qui in poi si resta in topic. Grazie
12-1-2010 22:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Durante un lungo viaggio in treno o in aereo, che cosa preferisci fare?
Ascoltare la musica
Chiacchierare coi vicini
Dormire
Giocare (con il notebook, il tablet, lo smartphone ecc.)
Guardare un film o una serie Tv
Guardare il panorama... o le hostess
Lavorare al computer
Leggere un libro, o un ebook
Navigare su Internet (vale solo in treno)
Telefonare (vale solo in treno)

Mostra i risultati (2401 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics