Francia e Germania sconsigliano Internet Explorer

La falla nel browser di Microsoft ha già colpito Google: nell'attesa di una patch è meglio usare uno dei browser alternativi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-01-2010]

Germania Francia Internet Explorer falla Google

Giovedì 14 gennaio Microsoft diramò un avviso in cui rendeva nota la presenza di una falla di sicurezza presente in tutte e tre le ultime versioni di Internet Explorer.

Due giorni prima, martedì 12, Google era rimasta vittima di un attacco ai propri sistemi - attacco proveniente dalla Cina e apparentemente legato all'annuncio di non voler più sottostare alla censura del governo - mirato a raccogliere informazioni sugli attivisti per i diritti umani violando i Google Account (e in particolare le caselle Gmail) di questi ultimi.

Secondo il motore di ricerca l'opera degli hacker è stata resa possibile proprio dalla presenza del bug in Internet Explorer, ampiamente usato anche all'interno di Google stessa.

Il codice utilizzato per l'attacco, poi, è diventato i dominio pubblico: la situazione è dunque ancora più seria, essendo ora disponibile per chiunque abbia cattive intenzioni uno strumento che ha già dato prova di essere efficace.

Proprio per questo motivo il governo tedesco - per bocca dell'Ufficio Federale Tedesco per la Sicurezza Informatica - ha consigliato ufficialmente di non utilizzare Internet Explorer, almeno fino a quando Microsoft rilascerà una patch, e di affidarsi nel frattempo a browser alternativi.

La Germania non è l'unico Stato a invitare i propri cittadini ad abbandonare il browser di Microsoft: anche la Francia, attraverso il Centre d'Expertise Gouvernemental de Réponse et de Traitement des Attaques informatiques ha fatto lo stesso, per gli identici motivi.

Se da un lato gli esperti di sicurezza sostengono che la pericolosità di questo exploit è estremamente alta (lo scenario più pericoloso è quello che contempla l'accoppiata Windows Xp/Internet Explorer 6), dall'altro Microsoft sostiene che per difendersi è sufficiente portare al massimo livello le impostazioni di sicurezza interne al browser (ma complicando, com'è noto, la navigazione).

Nelle ultime ore l'azienda di Redmond ha anche rilasciato un comunicato in cui afferma che, a seguito delle indagini svolte, è emerso come gli utenti di Internet Explorer 8 non siano stati vittime di alcun attacco, che invece ha colpito quelli della vetusta versione 6.

La prossima ondata di patch è prevista per il 9 di febbraio; è tuttavia possibile che Microsoft decida di rilasciare in anticipo la correzione al problema del browser.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 17)

Intendi dire perch i controlli ActiveX sono i pi esposti ad essere infettati, se non messi infetti di proposito? Mi puoi spiegare meglio? Opera, Firefox, Mozilla, ed altri sono immuni? Mauro P.S. Opera e gli altri Browser non li conosco, mai li ho usati; conosco solo Mini Opera che ho sul NOKIA, ma va in internet in pochi ... Leggi tutto
8-3-2010 05:13

Appena provi ad aggiornare qualcosa (es. Leggere i file di Word 2007 quando hai Word 2002) per prima cosa ti scaricano WGA perch per aggiornare Offfice ti raccontano che per installarlo devi prima aggiornare Windows altrimenti non supportato l'aggiornamento dal sistema. E quando ce l'hai nel registro di sistema, se hai copie... Leggi tutto
8-3-2010 04:42

L'attacco a google non aveva lo scopo di bucare i suoi sistemi ma era quello di recuperare le credenziali degli utenti che usavano ie6 sfruttando il bug per "intercettare" queste credenziali (permettetemi l'uso della parola tra virgolette, per farla breve). Il problema che in rete la sicurezza va vista a livello globale,... Leggi tutto
23-1-2010 18:05

Esatto e a voler piangere molti sono pubblici pagati con soldi di tutti, mica solo italiani, anche europei e compagnia che appena vedono un formato straproprietario e chiuso gli viene subito l'acquolina alla bocca e impongono un certo browser e un certo sistema operativo ai cittadini, anche se non ne hanno la minima voglia. Piano... Leggi tutto
23-1-2010 14:46

Il problema, in questi casi, non firefox, ma i siti costruiti esclusivamente per IE con l'uso di ActiveX (che il male!). :?
23-1-2010 10:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi citt: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai n a Milano n in altre grandi citt.

Mostra i risultati (2258 voti)
Dicembre 2019
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Tutti gli Arretrati


web metrics