Apple, guerra di brevetti con HTC

Gli smartphone dell'azienda taiwanese violerebbero 20 brevetti relativi all'iPhone. E per qualcuno si tratta di un attacco indiretto a Google.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-03-2010]

Apple brevetti HTC Google Android

Onestamente, si poteva anche prevedere che sarebbe successo: se l'iPhone ha stabilito una sorta di standard per gli smartphone, tanto che i concorrenti in un modo o nell'altro vi si richiamano, e se i brevetti software hanno una valenza, almeno negli Stati Uniti, una causa era soltanto dietro l'angolo.

Apple accusa HTC di aver violato ben 20 brevetti nel realizzare una dozzina di smartphone, dal Nexus One (il telefonino di Google) al G1, includendo tra i modelli incriminati sia gli esemplari con Android che quelli con Windows Mobile.

I brevetti di cui Apple indica la violazione coprono sia particolarità hardware che aspetti legati all'interfaccia utente e all'architettura; l'obiettivo è impedire la vendita dei prodotti HTC negli Stati Uniti.

Anche se Android è uno dei motivi che hanno spinto Apple a dare il via alla causa - violerebbe 19 dei 20 brevetti contestati - Google non è stata nemmeno nominata nei documenti depositati alla International Trade Commission o alla Corte Distrettuale del Delaware.

Un portavoce di Google ha fatto sapere che, anche se la società non è direttamente coinvolta, "sosteniamo il nostro sistema operativo Android e i partner che ci hanno aiutato a svilupparlo".

Secondo diversi analisti, tuttavia, l'azione di Apple si può intendere senza difficoltà come un attacco indiretto contro Google, da cui si sentirebbe minacciata.

Steve Jobs, in un comunicato, ha spiegato il motivo della decisione: "Possiamo stare seduti a guardare la concorrenza che ci ruba le invenzioni da noi brevettate oppure possiamo fare qualcosa. Abbiamo deciso di fare qualcosa. Crediamo che la competizione sia salutare, ma i concorrenti dovrebbero creare le proprie tecnologie originali, non rubare le nostre".

HTC, dal canto proprio, sta valutando i documenti dell'intera vicenda, di cui peraltro è venuta a conoscenza tramite i media e il comunicato stampa dei Apple: "Non siamo stati ancora informati quindi non siamo nella posizione di commentare. Rispettiamo e teniamo in grande conto i diritti sui brevetti ma siamo impegnati a difendere le nostre innovazioni. Innoviamo e brevettiamo le nostre tecnologie da 13 anni".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

La denuncia stata depositata presso un ufficio d'associazione commerciale, non quindi una vera denuncia legale. :roll: Questo oltre ad avere tempi brevissimi permette d'avere (anzi fatto apposta) vari accordi tra le parti per redimere i contrasti. :wink: Anche in USA fanno "tarallocci e vino"! :lol: Ciao
4-3-2010 21:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi citt: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai n a Milano n in altre grandi citt.

Mostra i risultati (2389 voti)
Aprile 2021
Microsoft pronta a lanciare Cloud PC, il desktop in streaming
Aggiornamento Windows 10, problemi di tutti i tipi
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 23 aprile


web metrics