Il vero scandalo della telefonia

Il caso Telecom Italia Sparkle è un altro scandalo che finisce in niente.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-04-2010]

Scandalo Telecom Italia Sparkle

Secondo l'amministratore delegato di Telecom Italia Franco Bernabè, lo scandalo Telecom Italia Sparkle non può più fare danni: pochi i danni sul bilancio Telecom 2010, pochi quelli sul futuro; inoltre gli amministratori disonesti sono ormai fuori e per l'ex Ad di TIS, Mazzitelli, verrà chiesta davanti alla prossima assemblea degli azionisti Telecom l'azione di responsabilità.

L'allora amministratore delegato di Telecom e presidente di Telecom Sparkle, Riccardo Ruggiero, è indagato dalla magistratura romana e, probabilmente, in futuro lo sarà anche da quella di Milano per gli aspetti relativi all'evasione fiscale.

Nonostante ciò si ritrova "virtualmente" assolto dai vertici Telecom, e per lui non ci sarà richiesta di azione di responsabilità davanti all'assemblea.

Sembra essere confermato, quindi, un tacito patto tra gentiluomini, non scritto e non formalizzato, in base al quale Bernabè non vuole sollevare polveroni contro la gestione di Tronchetti Provera e dei suoi principali collaboratori come Buora e Ruggiero.

Tronchetti Provera, già in parte coperto dal governo con il segreto di stato per lo scandalo Tavaroli, gode anche di un sostanziale colpo di spugna da parte della sua ex azienda.

Non è un caso che uno dei passaggi più applauditi del discorso di Berlusconi all'assemblea confindustriale di Parma sia stato quello contro i magistrati politicizzati, segno di una insofferenza da parte della classe imprenditoriale del Paese contro queste azioni giudiziarie.

Non è nemmeno un caso che il quotidiano Il Giornale - di proprietà della famiglia Berlusconi - abbia continuato a perorare in prima pagina la causa di Scaglia, secondo loro ingiustamente perseguitato ed imprigionato solo "perchè ricco" dai giudici romani.

Anche Feltri, direttore del Giornale, è stato sospeso dall'Ordine per aver continuato a far scrivere quel Renato Farani espulso dallo stesso ordine per aver partecipato attivamente con il nome in codice "Betulla" alla vicenda dello scandalo Tavaroli come agente dei servizi (cosa incompatibile con lo status di giornalista professionsta).

Se a questo aggiungiamo come il governo Berlusconi (ma anche quello precedente, ndZN) abbia ritardato e boicottato l'avvio delle "class action" - cioè delle cause collettive dei consumatori, che avrebbero potuto fare chiarezza sullo scandalo degli 899, cuore dello scandalo del riciclaggio, i quali hanno portato via agli utenti di tutte le compagnie telefoniche diverse centinaia di milioni di euro - il quadro della "giustizia all'italiana" è completo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Sarà che ho sempre visto nella storia dell'uomo la chiave di parte o di molti comportamenti attuali, ma noi italiani non abbiamo "le palle" che hanno i francesi, quindi caro digirun, sebbene anche io aneli disperatamente ad una soluzione finale quale l'eliminazione fisica di tutte le cellule cancerose che infestano la nostra... Leggi tutto
16-4-2010 17:15

Speriamo che la riforma alla "francese" comprenda anche il finale "alla francese" con tanto di GHIGLIOTTINE NELLE PIAZZE! :twisted:
16-4-2010 11:10

{Rik}
Tutto questo rientra nel caos delle istituzioni nel quale sguazzano coloro che hanno potere... Comunque sono sofferente ogni volta che sento parlare di giustizia... Qualcosa che cambia con le epoche e con le culture non vedo cosa possa avere di giusto... Sarebbe meglio chiamarla equità... se almeno questa ci fosse. Ma non esiste nemmeno... Leggi tutto
16-4-2010 10:15

{Antonio}
Quadro completo? No! Leggi tutto
16-4-2010 09:40

Anche soltanto il fatto di dover commentare certe situazioni mi fa rivoltare lo stomaco: e il bello è che ci sarà pure qualcuno che avrà il coraggio di scrivere che va tutto bene, che è giusto così... :shock: :twisted:
16-4-2010 09:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il prossimo acquisto di prodotto intelligente per la casa che farai?
Lampadina smart
Frigorifero smart
Presa elettrica smart
Rilevatore di fumo smart
Stazione metereologica smart
Videocamera di sorveglianza smart
Termostato smart
Forno smart
Sensore di movimento smart
Impianto sonoro smart
Allarme casa smart
Smart Tv
Spioncino/citofono smart
Sensore porta/finestra smart
Contatore smart di energia elettrica

Mostra i risultati (857 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics