McAfee si scusa e rimborsa gli utenti

L'azienda coprirà le spese sostenute dagli utenti per ripristinare il Pc dopo l'update difettoso. Sono escluse le aziende.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-04-2010]

McAfee update difettoso rimborso utenti domestici

Dopo aver posto mano ai problemi tecnici causati agli utenti dall'aggiornamento difettoso che ha bloccato migliaia di Pc in tutto il mondo (rilasciando un update corretto e uno strumento per riportare la situazione alla normalità), McAfee cerca di rimediare anche al danno di immagine che ha subito.

L'azienda ha deciso di rimborsare agli utenti domestici rimasti con il computer bloccato tutti i "costi ragionevoli" sopportati per poter riportare il Pc alla piena operatività: in pratica, se è stato necessario chiamare un tecnico (e pagarlo) per far funzionare nuovamente Xp, McAfee salderà il conto.

Per il momento non ci sono ancora dettagli su come dovrebbe funzionare la procedura di rimborso, né è chiaro a quanto debba ammontare una spesa perché si possa definire "ragionevole" secondo il metro di McAfee, ma l'azienda ha promesso che farà conoscere tutte le informazioni necessarie nei prossimi giorni.

Gli utenti domestici non devono dunque far altro che pazientare ancora un po' per poter essere compensati dei disagi subiti, mentre pare che all'orizzonte non ci siano piani per le utenze aziendali colpite dallo stesso problema: ospedali, stazioni di polizia, scuole e catene di supermercati hanno avuto problemi o ritardi nel compiere il proprio lavoro a causa dell'update difettoso.

Una buona notizia c'è anche per chi, nonostante l'incidente, ha deciso di confermare la propria fiducia a McAfee: l'azienda estenderà la validità della sottoscrizione per altri due anni senza alcun costo. Nei prossimi 30 giorni tale opzione apparirà nella sezione Il mio account del sito di McAfee.

Quanto al motivo per cui l'incidente si è verificato, secondo fonti interne all'azienda pare che la causa stia nell'aggiornamento del sistema di controllo della qualità, che per un errore non includeva il test dell'update su Windows Xp Sp3.

Per evitare che la cosa si ripeta McAfee ha immediatamente implementato dei nuovi protocolli e si è scusata ufficialmente per bocca di Barry McPherson, capo della divisione che si occupa dell'assistenza agli utenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
McAfee disinstalla il suo antivirus a colpi di pistola

Commenti all'articolo (2)

Concordo. Se devono rimborsare qualcuno, devono essere in primis le aziende che hanno perso del denaro non guadagnato a causa del blocco dei computer, poi i privati non professionisti i cui danni non possono paragonarsi a quelli di un'azienda. Se davvero lo facessero alla McAfee perderebbero parecchi danari ma recupererebbero in... Leggi tutto
28-4-2010 16:26

Mah, sarò malizioso ma direi che mi appare come una "dichiarazione di facciata". Del tipo: "Ho creato un pasticciaccio a livello globale, ne va della mia immagine, devo immediatamente controbbattere con una dichiarazione che lasci il segno...." Intanto sono escluse le aziende... e non si capisce il motivo. (o meglio,... Leggi tutto
28-4-2010 14:53

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (5323 voti)
Gennaio 2022
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Il nuovo, vecchio e doppio laptop di Cassandra
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 gennaio


web metrics