Amministrazione pubblica sulle nuvole

Tra Pec e innovazione nella pubblica amministrazione, la vera domanda è: chi gestirà i dati digitali di ognuno di noi?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-05-2010]

privacy cloud computing

Il problema da affrontare è uno di quelli che conoscono più profondamente gli addetti ai lavori e gli internauti, una questione che riguarda l'attuale campagna di informatizzazione che la pubblica amministrazione sta mettendo in campo nel nostro Paese.

Premesso che è auspicabile a oggi pensare alla pubblica amministrazione in termini di digitalizzazione della totalità degli attuali documenti cartacei nonché di sua informatizzazione, a seguito di ciò nasce tuttavia un problema che rientra nella più generale questione del cloud computing, dibattuta in rete da diverso tempo ormai e che coinvolge la privacy di ogni singolo cittadino.

Facciamo prima una breve premessa su ciò che si intende per cloud computing e su come ciò ponga questioni in termini di privacy.

Con il termine cloud computing si intende un insieme di tecnologie informatiche che permettono l'utilizzo di risorse hardware o software distribuite in remoto.

Nonostante il termine sia piuttosto vago e sembri essere utilizzato in diversi contesti con significati differenti tra loro, si possono distinguere tre tipologie fondamentali.

1. SaaS (Software as a Service): Consiste nell'utilizzo di programmi in remoto, spesso attraverso un server web. Questo acronimo condivide in parte la filosofia di un termine oggi in disuso, ASP (Application service provider).

2. PaaS (Platform as a Service) - È simile al SaaS, ma non viene utilizzato in remoto un singolo programma, ma una piattaforma software che può essere costituita da diversi servizi, programmi, librerie, etc.

3. IaaS (Infrastructure as a Service) - Utilizzo di risorse hardware in remoto. Questo tipo di cloud è quasi un sinonimo di Grid Computing, ma con una caratteristica imprescindibile: le risorse vengono utilizzate su richiesta al momento in cui un cliente ne ha bisogno, non vengono assegnate a prescindere dal loro utilizzo effettivo.

Detto ciò veniamo al perché ciò influisce sulla nostra privacy quotidiana.

Digitalizzare documenti in un contesto come la pubblica amministrazione significa contestualmente immagazzinarli in quelli che tecnicamente vengono chiamati "Datacenter".

Questi sistemi, gestiti interamente da aziende private, offrono un servizio di storage (immagazzinamento) in strutture chiamate server farm, che sono luoghi pensati progettati e realizzati per il contenimento, appunto, di server.

In genere un gestore che offra questo servizio, e che sia degno di nota, applica tutta una serie di iniziative atte a prevenire problemi di security (inteso come accesso non autorizzato ai dati), safety (inteso come prevenzioni di disastri con perdita di dati) e recovery (come possibilità di recupero di dati dal backup) per citare i principali.

È proprio su due aspetti di questi temi che nasce il problema della privacy, precisamente sull'aspetto di safety e recovery dei dati.

Per mettere in atto un sistema che sia in grado di opporsi efficacemente a disastri e perdite di dati si tende a realizzare una struttura che sia composta da più datacenter fisicamente posti in luoghi differenti ed il cui contenuto viene replicato in copia.

Il punto è ,che trattandosi di dati informatici, la griglia di datacenter che fa parte di questa struttura si espande oltre i confini geografici nazionali con i dati in esse contenuti: le strutture saranno sottoposte quindi alle leggi territoriali del Paese in cui fisicamente si troveranno.

Immaginiamo quindi che possibilità di intervento legale si possa avere su una eventuale rimozione forzata di dati da un simile sistema.

Fino a qualche tempo fa questi datacenter erano usati per lo più per ospitare siti e portali web le cui informazioni erano divulgabili (almeno per la stragrande maggioranza) proprio per la funzione di pubblico accesso di un sito.

Adesso essi vengono usati, tra l'altro, come contenitori di informazioni assolutamente private che ci riguardano nel quotidiano, ma di cui si perde la proprietà.

Altra questione che viene dibattuta riguarda la responsabilità legale del contenuto dei dati immagazzinati nei datacenter (si vedano in proposito le sentenze di cui sono state oggetto giganti del calibro di Google e Youtube).

Ciò vuol dire comportamenti diversi in nazioni diverse. A tal proposito riportiamo una frase rilasciata durante una intervista da Richard Stallman: "Il cloud computing, sempre più diffuso, non prevede l'utilizzo di programmi sul vostro computer, ma l'accesso ad applicazione su server remoti. Gli stessi dati vengono memorizzati sul computer di chi vi offre il servizio, e non sul vostro, quindi non sono più vostri".

Stallman è colui che ha ideato il concetto del free software e per diffonderlo e tutelarlo ha creato la Free Software Foundation e il Gnu Project; è grazie a lui e alle sue idee che sono nati software come OpenOffice, Firefox, Apache o sistemi operativi come Gnu/Linux.

Ha quindi tutti i titoli e le competenze per poter parlare di software e di argomenti ad esso collegati.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

ma lo so, lo so... è che vorrei astenermi anch'io.
8-5-2010 17:00

maddina, capisco ciò che vuoi dire ma in realtà il punto di arrivo della PEC (almeno quello ufficiale :wink:) è diverso. Non si tratta di cose che tu devi dire ma di comunicazioni ufficiali ai sensi di legge per le quali ora è prevista una procedura cartacea. Se devi indire una riunione pure importante in azienda o comunicare certi... Leggi tutto
8-5-2010 15:08

insisto... :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: infatti io, dipendente pubblico, se attualmente devo avvisare mille persone di qualcosa... siccome non ho le pec, mi metto a fare 1000 telefonate invece di mandare una mail normale con i destinatari specifici in ccn? ci vorrebbero soltanto 83 ore (8 giorni lavorativi e passa, ovvero 11 giorni... Leggi tutto
7-5-2010 01:14

E si parla della Lombardia, che secondo i "dotti in televisione", dovrebbe essere il motore trainante (:?:) dell'economia italiana. Per cui, campa cavallo che l'erba cresce... Leggi tutto
6-5-2010 19:35

certo quando tutti i cittadini avranno il pc e soprattutto la connessione..... Leggi tutto
6-5-2010 15:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai cambiato fornitore di banda larga (ADSL o fibra ottica) negli ultimi 5 anni?
Sì, una volta
Sì, più di una volta
No, ma lo farò nei prossimi 12 mesi
No, e non lo voglio fare

Mostra i risultati (1513 voti)
Settembre 2019
Gli utenti hanno il diritto di rivendere i giochi comprati su Steam?
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
Tutti gli Arretrati


web metrics