Il computer che legge il cervello

Dai segnali cerebrali si capisce quali parole una persona sta pensando. E si può restituire la possibilità di comunicare alle vittime di paralisi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-09-2010]

Lettura del cervello Bradley Greger Utah

Pare proprio che la prossima frontiera da superare sia quella che porterà alla creazione di un computer in grado di leggere il pensiero: una strada è quella percorsa dai ricercatori dell'Università della California a Berkeley, un'altra quella ideata da Intel e dalla Carnegie Mellon, e ora si aggiunge la proposta ideata dai ricercatori della Utah University.

Bradley Greger, capo del gruppo di scienziati ideatori di questo sistema, definisce la sua tecnica "lettura del cervello".

Lavorando insieme a un paziente epilettico, hanno collegato al cervello di quest'ultimo una serie di elettrodi e poi gli hanno chiesto di leggere dieci parole chiave in maniera continuativa (, no, freddo, caldo, fame, sete, ciao, arrivederci, di più e di meno).

Successivamente, il paziente ha ripetuto al computer a voce alta le stesse dieci parole. Nelle due fasi dell'esperimento gli elettrodi servivano a mappare le aree del cervello che si attivavano per ogni parola, e come risultato si è scoperto che il computer può in tal modo capire con una certa precisione quali parole un soggetto stia pensando, senza che questi debba dirle ad alta voce.

La percentuale di successo varia tra il 76 e il 90% e Greger riconosce che 10 parole costituiscono un vocabolario piuttosto limitato, ma la strada è quella giusta.

Tra due o tre anni, lo sviluppo di questa tecnica potrebbe consentire di ripristinare una qualche forma di comunicazione in pazienti che ne hanno perso la possibilità, come chi è stato colpito da un ictus o è vittima della locked-in syndrome (ossia quando il paziente e sveglio è cosciente ma completamente paralizzato e, pertanto, incapace di comunicare).

"Siamo stati capaci di decodificare le parole dette usando solo i segnali del cervello" ha spiegato il professor Greger. "Poter dare anche solo 30 o 40 parole ai pazienti affetti da paralisi causata da un ictus o da un incidente migliorerebbe sensibilmente la loro qualità della vita".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Entro dieci anni gli hacker ci ruberanno i ricordi dal cervello

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Troppo banale: le aree cerebrali prefrontali deputate al controllo della fonazione possono essere mappate secondo le attuali nozioni neurologiche e va bene. Quindi possiamo forse arrivare a interpretare - via elettrodi applicati al cervello - quali parole sta pensando di dire un soggetto integro,in grado di parlare, solo che sta... Leggi tutto
9-9-2010 14:18

Spero che abbia un rapido sviluppo commerciale, non vedo l'ora di capire finalmente a cosa pensa il mio capo quando ci parlo.
9-9-2010 11:13

{the sound of silence}
ChissÓ se finalmente i ciarlatani .. pardon psichiatri/psicologi la smetteranno di sparare sentenza, potendo essere ora smentiti. (Veramente dovevano smettere anche prima, non potendo dimostrare quello che dicevano; ma chissÓ perchÚ la gente li lascia pontificare lo stesso)
9-9-2010 09:27

Secondo me quando usciranno queste tecnologie e saranno a tutti accessibili avremo riconoscimenti di DNA, altro che un pin di 5 cifre... Leggi tutto
9-9-2010 09:04

Mah.. secondo me non e' poi cosi' plausibile pensarlo per "leggere la mente" a priori ( e quindi il problema degli usi poco leciti ) . Da quello che traspare nell'articolo, il sistema si basa su una sorta di training iniziale nel quale viene dedotta una mappa in base alla "parola" corrente. Rientra anche sull'idea... Leggi tutto
8-9-2010 22:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Durante un lungo viaggio in treno o in aereo, che cosa preferisci fare?
Ascoltare la musica
Chiacchierare coi vicini
Dormire
Giocare (con il notebook, il tablet, lo smartphone ecc.)
Guardare un film o una serie Tv
Guardare il panorama... o le hostess
Lavorare al computer
Leggere un libro, o un ebook
Navigare su Internet (vale solo in treno)
Telefonare (vale solo in treno)

Mostra i risultati (2558 voti)
Aprile 2021
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
La “truffa alla nigeriana” è un classico. Del sedicesimo secolo
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 17 aprile


web metrics