Cassazione: Direttori testate online non sono "responsabili"

Il direttore di un giornale sul web non risponde del reato di omesso controllo per i contenuti diffamatori. Così come i coordinatori di blog e forum.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-10-2010]

cassazione web direttori diffamazione

I direttori dei giornali online sono equiparabili a dei service provider: come questi ultimi non sono responsabili dei contenuti immessi dai loro utenti, così i primi non devono rispondere di omesso controllo su eventuali contenuti diffamatori inseriti dai collaboratori o dagli utenti del sito.

A stabilirlo (scarica la sentenza) è la Corte di Cassazione, chiamata a decidere su un caso che ha visto nella parte dell'accusato il direttore della testata Web Merate Online: era stato condannato in appello, in base all'articolo 57 del codice penale, per non aver applicato il dovuto controllo su una lettera pubblicata in cui si diffamava l'ex ministro Castelli.

L'articolo 57 recita: "Il direttore o il vice-direttore responsabile, il quale omette di esercitare sul contenuto del periodico da lui diretto il controllo necessario ad impedire che col mezzo della pubblicazione siano commessi reati, è punito, a titolo di colpa, se un reato è commesso, con la pena stabilita per tale reato, diminuita in misura non eccedente un terzo".

Quando però il caso è arrivato in Cassazione, la Suprema Corte ha rilevato come tale articolo si applichi solo ed esclusivamente alla carta stampata, notando "l'assoluta eterogeneità della telematica rispetto agli altri media".

La questione era già stata sollevata diverso tempo fa, quando ci si chiese se detto articolo fosse applicabile al direttore di una testata giornalistica televisiva. In quel caso si erano rilevate la differenza del mezzo e, pertanto, la non applicabilità dell'articolo.

Su una linea analoga si è ora mossa la Cassazione per quanto riguarda i direttori delle testate online: l'articolo 57 "si riferisce specificamente all'informazione diffusa tramite la carta stampata. La lettera della legge è inequivoca e a tale conclusione porta anche l'interpretazione storica della norma".

Inoltre, il Web comporta un elevato grado di interattività tra giornale e lettori. La Cassazione spiega in sostanza che non si può pretendere che un direttore controlli ogni contenuto inserito dagli utenti: "la cosiddetta interattività renderebbe probabilmente vano il compito di controllo del direttore di un giornale on-line".

Secondo la Corte, nemmeno "i coordinatori di blog e forum" possono essere ritenuti colpevoli per i post o i commenti scritti dai visitatori.

La sentenza di condanna per il direttore di Merate Online, emessa in appello, è stata dunque annullata perché "il fatto non è previsto dalla legge come reato".

La legge non contempla, in fin dei conti, il caso della responsabilità da parte dei direttori dei giornali sul Web nei confronti dei contenuti; spetterà ora al legislatore, nel caso, il compito di fare chiarezza.

Che cosa cambia quindi, all'atto pratico? L'avvocato Daniele Minotti, esperto di diritto delle nuove tecnologie e fondatore di Penale.it, inizialmente suggerisce cautela, poi sul blog di Mantellini commenta:"Mi sembra che il punto sia nettissimo: il direttore di una testata online non e' responsabile di omesso controllo. L'art. 57 c.p., infatti, non puo' essere applicato analogamente a realta' tanto diverse come Internet. Tale esenzione vale, a maggior ragione, per blogger e gestori di forum."

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

genericamente "service provider" forse è più chiaro ISP (la mia emot-icons spiega tutto) :old: Leggi tutto
4-10-2010 18:07

Dicesi SP? Leggi tutto
2-10-2010 18:43

Dicevamo però proprio qualche giorno fa che i "legislatori" sembrano, almeno in maggioranza, più temere che confidare nella rete. E le norme che ci stanno approntando vanno nel senso della responsabilità degli SP e "intestatari" dei blog. :old:
2-10-2010 11:45

Siamo sempre lì a girarci attorno. La legge sulla "pericolosissima" stampa, compresi i manifesti e i volantini, se l'era inventata il regime per controllare l'opposizione: E purtroppo il secchio era talmente grande e dai contorni così indefiniti da farci star dentro, volendo, persino gli sputi purché fossero colorati. Per... Leggi tutto
1-10-2010 19:43

Articolo molto interessante e ricco di spunti. Tratto dall'articolo: "Secondo la Corte, nemmeno i coordinatori di blog e forum possono essere ritenuti colpevoli per i post o i commenti scritti dai visitatori. La sentenza di condanna per il direttore di Merate Online, emessa in appello, è stata dunque annullata perché "il fatto... Leggi tutto
1-10-2010 18:58

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Con quale di queste affermazioni concordi maggiormente?
Il Governo sta facendo troppo poco per portare la banda larga anche nelle zone più remote.
Il Governo riuscirà a migliorare la diffusione della banda larga.
Il Governo vorrebbe fare di più per la diffusione della banda larga, ma mancano le risorse.
Il Governo non sta facendo abbastanza per reperire risorse per la banda larga.
Al Governo non frega nulla della banda larga a meno che qualche lobby o qualche gruppo finanziario o industriale gliela chieda; a quel punto troverà il modo di mettere una nuova tassa ai pensionati o ai lavoratori dipendenti per reperire i fondi.

Mostra i risultati (3032 voti)
Dicembre 2018
Mail di porno-estorsione, versione italiana: siamo ai saldi
L'open Internet rischia di chiudersi
Robot di Amazon manda all'ospedale 24 dipendenti
Le aziende si preparano a sostituire il Wi-Fi con reti 5G private
Lo smartphone con Linux e KDE che non è un telefono cellulare
Hacker viola 50.000 stampanti per invitare tutti su un canale Youtube
Novembre 2018
Facebook e il caso dei messaggi zombie
Malware nei portatili Lenovo, utenti risarciti con 7,3 milioni di dollari
Gioca dal vivo a PUBG e uccide l'amico
Amazon, nomi e indirizzi email degli utenti rivelati per errore
Bethesda e la patch da quasi 50 gigabyte per Fallout 76
Sai che cos'è il phishing? Allora hai più probabilità di cascarci
Il Garante privacy boccia la fattura elettronica
Windows 10, ritorna l'October Update
Tim in piena tempesta: sfiduciato l'amministratore delegato Genish
Tutti gli Arretrati


web metrics