In Tunisia la rivolta arriva dalla Rete

I giovani disoccupati tunisini protestano organizzandosi su Facebook, gli hacker attaccano i siti del governo e le autorità arrestano il Partito Pirata.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-01-2011]

Protesta Facebook Tunisia arresti partito pirata

Lunedì 3 gennaio il sito web del governo tunisino, quelli di molti ministeri e della banca di stato erano inaccessibili: un gruppo di hacker rivendicato il sabotaggio contro la repressione poliziesca che sta colpendo, con durezza, le proteste dei giovani disoccupati.

Queste imponenti manifestazioni, indipendenti dalla debolissima se non inesistente opposizione politica, sono organizzate su Facebook, il social network a cui sono iscritti due milioni di tunisini su 10 milioni di abitanti totali.

Il governo ha già chiuso i più importanti gruppi di protesta su FB che aveva già tentato di mettere al bando in Tunisia nel 2008.

Anche il gruppo su Facebook, con circa 12.000 iscritti, che è stato alla base delle manifestazioni di protesta è stato chiuso dalle autorità.

L'Agenzia Tunisina per Internet è accusata di acquisire illecitamente le password di accesso a Google e Facebook mentre Azyz Ammami, Slim Amamou e Slah Eddine Kchouk, studenti universitari e membri del Partito Pirata della Tunisia, sono stati arrestati e due di loro rilasciati solo domenica mattina.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (1)

Il guaio è che agli attivisti arrestati non solo gli hanno sequestrato tutta l'attrezzatura ma gli hanno vietato internet. E' la censura del "doppio filtro" (esiste anche in Italia cari miei), poi protestare ma non far sapere che protesti e inoltre attivano informazioni taroccate per sminuire se non ribaltare la verità. Ciao
12-1-2011 20:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A quali condizioni lavoreresti da casa anziché in ufficio?
Accetterei uno stipendio inferiore perché risparmierei sui trasporti e in tempo.
Vorrei uno stipendio maggiore perché l'azienda risparmierebbe su locali, strumenti, sicurezza.
Allo stesso stipendio.
Non rinuncerei al lavoro in ufficio per nulla al mondo.

Mostra i risultati (2500 voti)
Novembre 2020
Seria falla in Windows 7, la patch c'è ma non è ufficiale
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Tutti gli Arretrati


web metrics