Il malware mobile colpisce Android e iPhone

Il 2011 sarà ancora l'anno di Stuxnet e aumenterà il malware mobile per colpire Android e gli iPhone "liberati" con il jailbreak.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-01-2011]

F-Secure Android malware iPhone jailbreak

Secondo F-Secure la più importante novità nel campo del malware dell'anno appena concluso - e, si spinge a dire l'azienda, forse dell'intero decennio - è stato il worm Stuxnet.

L'importanza sta nel fatto che Stuxnet può colpire i sistemi industriali e modificare i processi automatizzati, permettendo al cyber-sabotaggio di provocare veri e propri danni nel mondo reale.

Se, per quanto riguarda i sistemi desktop, il sistema operativo maggiormente preso di mira resta Windows XP (nonostante la crescita, in termini di quota di mercato, di Windows 7), gli scenari più interessanti sono però quelli relativi ai dispositivi mobili.

Il numero di malware mobile, in realtà, non è incrementato in modo drammatico nel corso del 2010; tuttavia esistono alcuni casi particolari che potrebbero dare indicazioni sugli sviluppi futuri.

Per esempio una versione trojan del gioco di azione Anti-terrorist per Windows Mobile è stata caricata su numerosi siti dai quali è possibile scaricare software gratuito.

I telefoni infettati effettuavano telefonate verso numeri a pagamento particolarmente costosi, che risultavano in conti salati per le vittime.

"Dal punto di vista della sicurezza mobile" - ha concluso Mikko Hypponen, Responsabile dei Laboratori di Ricerca di F-Secure - "ci aspettiamo di vedere un numero crescente di malware progettato per colpire la piattaforma Android e gli iPhone jailbreak", ossia quei telefonini sbloccati per aggirare le limitazioni imposte da Apple.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Già non ci avevo pensato! :wink: Ciao Leggi tutto
25-1-2011 02:55

Giusto! Ma che si sveglino, perchè è impossibile poi contrastarlo. :wink: Ciao Leggi tutto
25-1-2011 02:54

Secondo me invece la notizia è che il rischio non lo correranno gli utenti di iPhone non sbloccati. [editato]
24-1-2011 11:15

Sicuramente usciranno virus e trojan che sfrutteranno l'incompentenza degli utenti che scaricano e installano qualsiasi cosa da qualsiasi sito gli capiti davanti, ma per il momento mi pare ce ne siano ben pochi. Inoltre F-secure non è proprio una fonte attendibile visto che produce antivirus e ha tutto l'interesse a spargere panico fra... Leggi tutto
24-1-2011 10:52

Ma capisci che senza certe informazioni, quelle 2 o 3 precauzioni che tu dici il 98% degli utenti non sa neanche dove stanno di casa... :wink:
24-1-2011 09:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (357 voti)
Giugno 2020
Windows 10, il nuovo Edge ha iniziato a rimpiazzare il vecchio
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Tutti gli Arretrati


web metrics