Compromettere i PC con un telefonino e un cavo USB

Un piccolo software trasforma lo smartphone in una tastiera, permettendo di prendere il controllo del computer collegato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-01-2011]

Angelos Stavrou attacco cavo USB Android PC

Alla Black Hat Conference di Washington Angelos Stavrou, assistente della George Mason University, ha mostrato come utilizzare uno smartphone con Android per prendere il controllo di un computer tramite la porta USB.

Il "trucco" sta nel fatto che via USB si possono collegare diverse periferiche: memorie di massa, come quelle presenti anche nei telefonini, ma pure tastiere e mouse.

Stavrou, aiutato dal suo studente Zhaohui Wang, ha creato un software che modifica le funzionalità del driver USB degli smartphone quando vengono collegati ai PC (per la ricarica o per trasferire file), trasformandoli in periferiche di input.

In questo modo è possibile utilizzare il telefonino proprio come una tastiera e inviare comandi al computer, prendendone il controllo mentre la tastiera e il mouse "ufficiali" continuano a funzionare (e dunque l'utente non si accorge di niente).

Il sistema funziona con Windows, con Mac OS X e con Linux. Gli utenti più attenti possono notare, nel caso di Windows e OS X, che il sistema avvisa del collegamento di una periferica HID (Humain Interface Device), cosa che non dovrebbe fare connettendo uno smartphone. Linux, invece, non avvisa.

Se tutto il pericolo fosse qui, sarebbe in fondo ben poca cosa: un sistema che permette di prendere il controllo di un PC collegando fisicamente un terminale (un telefonino, in questo caso) non alza di molto il livello di allarme.

Stavrou ha però mostrato come tutto ciò sia solo l'inizio, e ha creato un codice che, innanzitutto, diffonde il driver USB modificato dallo smartphone al computer, e da questo a qualunque ulteriore smartphone vi si colleghi. In questo modo l'abilitazione del telefonino come tastiera si diffonde in maniera virale: il codice che governa la diffusione può essere integrato in un'app o in un software scaricabile dal web.

Poi ha spiegato come a questo punto non sia troppo difficile scrivere un software che utilizzi questo sistema per impartire comandi al computer completamente all'insaputa dell'utente: in pratica, ha spiegato come sia possibile dare vita a un virus che passa dagli smartphone ai PC e viceversa e che permette di compromettere i PC.

Per gli antivirus è un problema bloccare queste minacce - spiega Stavrou - perché non sono in grado di distinguere le attività dell'exploit (che in fondo non sono altro che l'invio di comandi al PC) da quelle legittime.

L'unica possibilità per proteggersi, secondo il professore, è che il sistema operativo vigili sul traffico che passa attraverso la porta USB e informi dettagliatamente l'utente su quanto sta avvenendo, dandogli anche la possibilità d'intervenire.

Angelos Stavrou ha scritto il proprio software per Android, ma sostiene che fare lo stesso per iPhone non presenta alcuna difficoltà.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Salvo che abbiano trovato una falla del driver o introdurre un driver bucato! :twisted: I server (sia Windows che Linux che altri) hanno la tastiera staccata e solo se si vuole operare in console viene attaccata, oramai spesso, tramite USB questa tastiera. Se non disponi di tastiera USB si usa quella dei palmari. Ma viene... Leggi tutto
26-1-2011 20:10

Dici che quindi è solo "fuffa" questa "nuova" invenzione? Leggi tutto
25-1-2011 18:04

Infatti.. inoltre da quello che ho capito se funziona come una tastiera, in teoria dovrei vedere a video gli imput che mando (se apre qualcosa) o sbaglio? Leggi tutto
25-1-2011 18:03

Infatti è una cosa vecchia! Da anni che si fa! Veramente su Linux (e Unix in genere) compare la scritta "Login" salvo non aver già fatto login dalla tastiera normale e digli prima d'equiparare la tastiera fisica con quella USB. Su Win lo riconosce SOLO come tastiera USB che sostituisce la tastiera convenzionale e... Leggi tutto
25-1-2011 02:15

Francamente non vedo questa grande minaccia: se comunque devo collegare FISICAMENTE lo smartphone, è esattamente come se immettessi comandi nocivi da tastiera. Oppure anche io, essendo lunedì mattina (che è ben più nocivo dello smartphone/pc compromesso) non ho capito un ostrega.
24-1-2011 12:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1251 voti)
Luglio 2020
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Tutti gli Arretrati


web metrics