Petizione online contro le norme Agcom sulla pirateria

"Fermate la censura" vuole bloccare le nuove regole sulla tutela del copyright. Troppi i poteri conferiti all'Autorità.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-01-2011]

Petizione Agcom censura copyright

Il periodo di consultazione pubblica sull'ultima delibera Agcom a proposito della pirateria sta creando diverse proteste in Rete sul contenuto della delibera stessa.

Intorno al sito Sito non raggiungibile si stanno raccogliendo le voci di quanti vedono nelle norme approvate dall'Autorità il rischio concreto di introdurre la censura nella Rete italiana.

"Immaginate" - si legge nella petizione presente sul sito - "che un giorno intere sezioni della vostra biblioteca vengano rese inaccessibili. Non vi verrà mai detto quali specifici libri, e per quale ragione sono stati rimossi, ma troverete solo un cartello che vi informa che qualcuno, da qualche parte, per qualche ragione, ha segnalato che i libri di quella sezione violano i diritti di qualcun'altro".

È questa in sostanza la situazione che si delineerà per i contenuti multimediali una volta che le norme di Agcom entreranno in vigore (il 3 marzo, se le cose continueranno così): l'Autorità avrà il potere di far sparire alcune parti di Internet, e anche specifici contenuti.

"Immaginate che anche dagli scaffali accessibili della biblioteca qualcuno rimuova costantemente libri" - continua la petizione - "senza che voi, o gli altri altri utenti della biblioteca, possiate sapere quali volumi sono stati rimossi, e senza che vi sia data la possibilità di valutare se la rimozione di tali libri viola alcuni dei vostri diritti fondamentali".

Oltre ai pericoli per chiunque gestisca un sito web di qualunque natura nella delibera c'è un pericolo precedente: secondo i promotori della protesta l'Agcom si arrogherebbe compiti che spettano unicamente alla magistratura, guadagnandosi il potere di poter censurare risorse di Internet "per il semplice sospetto di aver violato in qualche modo il diritto d'autore".

La campagna Fermate la censura è sostenuta da Adiconsum, Altroconsumo, Assoprovider-Confcommercio, Assonet-Confesercenti e Agorà Digitale: tutti chiedono una moratoria da applicare a queste nuove regole, affinché sia il Parlamento a emanare una legge che decida in modo equo sulla tutela del diritto d'autore evitando il pericolo della censura.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

Quando si tratta di fare un favore alle major o far incamerare soldi alla SIAE vai tranquillo che 5 minuti li trovano cosi dopo hanno anche loro più soldi per il bunga-bunga ecc. :twisted: Leggi tutto
5-2-2011 15:16

Io penso che non sussista nessun pericolo. Ben altre cose hanno i nostri politici nella testolina. Tra bunga-bunga e litigi vari, pensate veramente che possano osare pensare a fare qualcosa, anche se sbagliato?!
3-2-2011 19:59

Verissimo, tutto il potere solo in un organo facilita eventuali abusi.. saranno così bravi da non cascarci? dai presupposti non si farebbe ingannare nemmeno un bambino. Leggi tutto
3-2-2011 15:29

Un problema sollevato da "Striscia la Notizia" ma stranamente insabbiato.. Ciao Leggi tutto
1-2-2011 19:45

Bene.. già siamo un passo avanti. Resta da vedere , ora, le figure occulte. Altro snodo comune e fondamentare per l'Agcom (e in parte Auditel) è: "Chi controlla il controllore?". Su questo, Hobbes e la combricola inglese hanno messo il dito nella piaga, producendo fori fiore di scritti e dibattimenti sulla divisione dei... Leggi tutto
1-2-2011 14:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
La NSA non spiava solo i cittadini USA ma anche i governi di Francia, Germania e Italia. Qual è la tua reazione di fronte a questa notizia? (se vuoi dare risposte multiple o commentare ulteriormente, usa il forum)
Sono profondamente indignato: come si sono permessi?
Sono stupito che gli USA siano arrivati a questo punto.
In fondo lo fanno per prevenire gli attentati; quindi li giustifico, almeno parzialmente.
Non mi sorprende. E' da un po' che l'Europa non conta più un tubo.
Accidenti! Avranno ascoltato anche le telefonate con la mia fidanzata/o.
I nostri politici non hanno nulla di più importante di cui preoccuparsi?
Lo so perfino io che i telefoni sono spiati, figuriamoci i terroristi.
Avevano ragione quelli di Zeus News, quando già nel 2001 scrivevano di Echelon.

Mostra i risultati (3015 voti)
Giugno 2021
Windows 11, i primi screenshot sfuggono in Rete
Tutti gli indizi che puntano a Windows 11
Gli hard disk al grafene sono 10 volte più capienti
Microsoft nasconde la fotocamera sotto lo schermo che forma il logo di Windows
Il nuovo Windows 10 si svela a fine mese
Nuova tecnica contro il ransomware: ingannare il sistema di pagamento
Maggio 2021
Malvivente condannato grazie a una foto delle dita pubblicata online
Annunciata la prossima generazione di Windows
Guidi male? Forse è un primo segno di demenza
Scarsità di chip, televisori più cari del 30%
Arriva Android 12, più veloce, più personalizzabile e più attento alla privacy
Nella Tesla schiantatasi con “nessuno” al volante c’era qualcuno al volante
WhatsApp, funzionalità ridotte se non si vogliono regalare i dati a Facebook
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Bye bye, Emotet
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 16 giugno


web metrics