Agcom, via a consultazioni su VoIP, P2P e net neutrality

L'Autorità avvia due consultazioni pubbliche per raccogliere i pareri degli interessati su tre temi caldi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-03-2011]

Agcom consultazioni pubbliche P2P Net Neutrality

L'indagine conoscitiva sulla net neutrality, avviata lo scorso febbraio, ha portato l'Agcom a riconoscere la necessità di avere il parere di tutti gli interessati (stakeholder) su tre temi: net neutrality stessa, peer to peer e VoIP.

Partiranno così due consultazioni pubbliche: l'una dedicata a VoIP e peer to peer, l'altra alla neutralità della rete.

L'indagine, per citare le parole dell'Autorità stessa, ha permesso di "analizzare le nuove logiche e tecniche commerciali che governano il mercato delle comunicazioni mobili e personali alla luce della diffusione di nuove modalità di produzione e consumo nel campo dei servizi dati, valutandone le implicazioni di carattere tecnologico, economico, regolamentare, oltre che quelle giuridiche e sociali di interesse generale".

Ora tutti gli interessati possono far pervenire le proprie osservazioni e i propri commenti sugli esiti di detta indagine, che però apre un quadro più vasto.

Mettere mano al VoIP e al peer to peer significa infatti addentrarsi nel più ampio territorio della net neutrality, argomento che sta venendo affrontato anche negli Stati Uniti dagli operatori telefonici e dalla FCC.

È per questo motivo che la neutralità della rete merita un approfondimento a sé e una raccolta di pareri dedicata, con una consultazione pubblica che verterò intorno a quattro punti principali.

Il primo è dato dall'"evoluzione del settore dei servizi dati, i nuovi scenari tecnologici, la trasformazione della struttura dei mercati, l'impatto sulle modalità di consumo dei servizi dati, con i relativi riflessi sui profili regolamentari"; poi vengono "le garanzie dei consumatori e gli elementi rilevanti che contribuiscono alla piena conoscenza, da parte degli utenti, delle caratteristiche dei servizi dati".

In terza battuta vi è "la tutela della concorrenza e gli elementi strutturali che contraddistinguono l'ecosistema della rete" e, infine, "i valori generali connessi alla net neutrality e la dimensione sociale e politica del dibattito in corso".

Gli stakeholder possono far sentire la propria voce inviando un'email all'indirizzo netneutrality@agcom.it. In base ai pareri raccolti l'Autorità deciderà se e come intervenire in materia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
S: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perch esiste gi una legge sul copyright.
S: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (350 voti)
Dicembre 2019
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Tutti gli Arretrati


web metrics