Scintille tra Telecom Italia e il Tg1

Il telegiornale di Minzolini accusa Telecom Italia di finanziare Il Fatto quotidiano per sostenere Bernabè. L'ex monopolista risponde con una querela.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-03-2011]

TG1 Telecom querela

Telecom Italia ha querelato il Tg1. In un servizio, il telegiornale avrebbe lanciato un'accusa che l'ex monopolista considera diffamante, secondo la quale Il Fatto quotidiano si sarebbe speso per avallare una conferma di Bernabè al vertice di Telecom in cambio di sei pagine di pubblicità.

Il Tg1 ha risposto sdegnato di aver tutto il diritto di portare avanti inchieste su Telecom Italia, la quale avrebbe "perso posizioni in Italia e nel mondo", mentre Il Fatto quotidiano ha definito semplicemente "risibili" le accuse.

Certo non è bello che Telecom quereli il più importante telegiornale italiano: la libertà di stampa e di critica è sacra per tutti, e tale deve essere anche per la più grande azienda in fatto di investimenti pubblicitari.

L'accusa è poi davvero risibile: le sei pagine di pubblicità Telecom Italia sono apparse su tutti i principali quotidiani italiani e non solo su Il Fatto, che tra l'altro ha tra i propri fondatori Peter Gomez, il giornalista che più si è speso per far emergere lo "scandalo Tavaroli".

Diversamente, di recente, il Tg1 ha ospitato a proposito dello stesso caso Tronchetti Provera per una sua autodifesa.

Avanziamo l'ipotesi che a Minzolini, attuale direttore del Tg1, non vada giù il fatto che a portargli via non pochi punti di share sia stato proprio il Tg condotto da Mentana su La7, di proprietà di Telecom Italia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 19)

{Giambattista}
Diffamazione. E' diffamazione. Ma il diffamato è il quotidiano. Che ha ben reagito: io rido, tu canta che ti passa. Anche perché affidarsi al giudice, da queste parti, è da costretti, o pazzi. Giambattista G.
28-10-2014 07:51

Sì, in effetti è così, trattasi al massimo di ingiuria. L'escamotage utilizzata da alcuni grandi polemisti è proprio nell'uso del "potrebbe essere che tu.. Si potrebbe pensare che ecc..."
14-12-2011 15:52

In realtà, se ti rivolgi direttamente a qualcuno (cito il tuo caso: "sei un drogato"), non lo diffami ma al massimo lo ingiuri: la diffamazione prevede che si "sparli" di qualcuno in sua assenza e pertanto è più grave. Poi c'è ancora la calunnia, ovvero quando attribuisci a qualcuno un reato sapendo che in realtà è... Leggi tutto
14-12-2011 12:48

{Sandro}
"la libertà di stampa e di critica è sacra per tutti" ma non la libertà di sparare fesserie basate su dicerie, questa si chiama diffamazione, c'è una bella differenza se qualcuno mi dice "secondo me tu ti droghi" e tra "sei un drogato", la prima è una opinione la seconda, in assenza di prove, è una... Leggi tutto
14-12-2011 11:09

Quindi c'è ancora gente che guarda il telegiornale, visto che si investe in pubblicità... povera italia... (i minuscola voluta)
23-9-2011 17:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (2023 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Tutti gli Arretrati


web metrics