"Il sito di McAfee è pieno di vulnerabilità"

Gli hacker di Full Disclosure hanno scoperto diverse falle nel sito dell'azienda.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-03-2011]

McAfee sito vulnerabile Full Disclosure

Dal sito web di un'azienda che si occupa di sicurezza ci si aspetta che sia impenetrabile o, almeno, che non presenti vulnerabilità evidenti.

Invece, stando a quanto pubblicato sul sito Full Disclosure, il sito di McAfee ospita un'ampia collezione di falle, da vulnerabilità agli attacchi del tipo cross-site scripting all'involontaria rivelazione di informazioni che sarebbe meglio restassero riservate.

La scoperta di questi problemi risale allo scorso 10 febbraio ed è stata immediatamente notifica a McAfee, la quale pur avendo subito risposto che sarebbe corsa ai ripari sembra però non aver ancora preso le contromisure necessarie; così, trascorso più di un mese, le falle sono state rivelate.

La situazione è particolarmente imbarazzante per McAfee, che vende prodotti creati apposta per segnalare siti potenzialmente pericolosi in quanto aperti alla possibilità di una manomissione; inutile dire che, per questi prodotti, il sito di McAfee è perfettamente sicuro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
McAfee disinstalla il suo antivirus a colpi di pistola

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Verissimo! :lol: :lol: :lol: Ma lo sai che esiste una "mancetta" se lo fai per QUEL browser? Adesso non vorrei dire ma... :twisted: Ciao Leggi tutto
1-4-2011 21:58

Se non mi ricordo male (adesso mi viene anche il dubbio che sia la McAfee) era un sistema automatizzato. Analizzava le pagine del sito e se apparivano diverse dal backup faceva partire il restore immediato. Ciao Leggi tutto
1-4-2011 21:56

Non prendiamo scuse. Parlare di sicurezza ed imporre l'uso di I.Explorer!??
31-3-2011 10:16

Beh, penso che fra la manomissione e il backup passi del tempo, in questo arco di tempo (anche di pochi secondi) il sito web modificato potrebbe essere una minaccia per i pc che lo visitano, ad esempio. Se bastasse un backup per essere sicuri, tutti disinstallerebbero gli antivirus ed installerebbero deep freeze :D
31-3-2011 07:53

Forse non sapete che la McAfee una volta vendeva un sistema di protezione in cui qualsiasi cambiamento non preventivato (dunque fatto da malintenzionati) interveniva un sistema che immediatamente faceva un resume di un backup. Insomma, malintenzionati, cambiate pure le pagine di un sito tanto i cambiamenti durano pochi secondi. ... Leggi tutto
31-3-2011 00:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanitÓ, in ambito scientifico?
Il futuro Ŕ nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietÓ intellettuale Ŕ solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrÓ pi¨ essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietÓ intellettuale Ŕ uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti pi¨ truci.
Lo scenario pi¨ probabile Ŕ un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirÓ i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'Ŕ il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanitÓ.

Mostra i risultati (1435 voti)
Febbraio 2020
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Tutti gli Arretrati


web metrics