Microsoft denuncia Google all'antitrust

Abuso di posizione dominante: Google farebbe di tutto per escludere i concorrenti dal redditizio settore della ricerca online.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-03-2011]

Microsoft denuncia Google antitrust monopolio

C'è una grande azienda, una multinazionale americana, che dopo aver raggiunto il monopolio nel proprio settore ne starebbe abusando, ostacolando con ogni mezzo i prodotti dei concorrenti per non perdere il proprio predominio.

Se questo fosse un indovinello, la risposta scontata sarebbe Microsoft, una società che ha alle spalle una lunga storia di procedimenti presso le autorità antitrust di diversi stati.

Invece questa volta Microsoft sta dalla parte dell'accusa, e l'azienda sospettata di aver abusato della propria posizione dominante è Google.

Microsoft ha infatti depositato un esposto presso la Commissione Europea, accusando Google di aver adottato pratiche anticoncorrenziali per eliminare i concorrenti dal "mercato della ricerca online e del search advertising, a danno dei consumatori europei".

Per dimostrare che non si tratta di fantasie, l'azienda di Redmond ha portato anche qualche esempio. Per esempio, Google avrebbe limitato l'acceso a YouTube ai motori di ricerca concorrenti; in particolare, gli smartphone con Windows Phone 7 non potrebbero accedere ai metadati, al contrario di quanto possono fare quelli con Android e l'iPhone.

Inoltre, l'azienda di Mountain View avrebbe imposto ai partner che sceglievano il box di ricerca di Google un contratto di esclusiva, eliminando così facilmente tutte le alternative.

Vi sarebbe poi la questione di scarsa trasparenza nel trattamento dei dati degli inserzionisti da parte di AdSense, senza poi dimenticare l'esclusiva che Google avrebbe sui libri orfani tramite Google Books.

Google non ha ancora risposto a tutte queste accuse. È facile prevedere che la vicenda non si concluderà rapidamente ma darà il via a una lunga serie di indagini da parte dell'Antitrust europeo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google, maxi-multa in arrivo da Bruxelles

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

A parte che forse questa notizia doveva uscire il primo aprile il paradosso è rafforzato dal fatto che le accuse a Google sono vere ... come quelle che sono state mosse a Microsofta suo tempo. :old: Leggi tutto
4-4-2011 13:14

:malol: :malol: :malol: :malol: :malol: :malol:
3-4-2011 20:41

qui un cencio parla male di uno straccio.... bellissima....
2-4-2011 23:32

è la prima cosa che mi è venuta in mente, ma... sei arrivato prima! :lol: Leggi tutto
1-4-2011 01:12

il bue che da del cornuto all'asino :D
31-3-2011 18:03

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (399 voti)
Settembre 2020
L'aggiornamento che rallenta e surriscalda i Chromebook
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Tutti gli Arretrati


web metrics