Microsoft denuncia Google all'antitrust

Abuso di posizione dominante: Google farebbe di tutto per escludere i concorrenti dal redditizio settore della ricerca online.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-03-2011]

Microsoft denuncia Google antitrust monopolio

C'è una grande azienda, una multinazionale americana, che dopo aver raggiunto il monopolio nel proprio settore ne starebbe abusando, ostacolando con ogni mezzo i prodotti dei concorrenti per non perdere il proprio predominio.

Se questo fosse un indovinello, la risposta scontata sarebbe Microsoft, una società che ha alle spalle una lunga storia di procedimenti presso le autorità antitrust di diversi stati.

Invece questa volta Microsoft sta dalla parte dell'accusa, e l'azienda sospettata di aver abusato della propria posizione dominante è Google.

Microsoft ha infatti depositato un esposto presso la Commissione Europea, accusando Google di aver adottato pratiche anticoncorrenziali per eliminare i concorrenti dal "mercato della ricerca online e del search advertising, a danno dei consumatori europei".

Per dimostrare che non si tratta di fantasie, l'azienda di Redmond ha portato anche qualche esempio. Per esempio, Google avrebbe limitato l'acceso a YouTube ai motori di ricerca concorrenti; in particolare, gli smartphone con Windows Phone 7 non potrebbero accedere ai metadati, al contrario di quanto possono fare quelli con Android e l'iPhone.

Inoltre, l'azienda di Mountain View avrebbe imposto ai partner che sceglievano il box di ricerca di Google un contratto di esclusiva, eliminando così facilmente tutte le alternative.

Vi sarebbe poi la questione di scarsa trasparenza nel trattamento dei dati degli inserzionisti da parte di AdSense, senza poi dimenticare l'esclusiva che Google avrebbe sui libri orfani tramite Google Books.

Google non ha ancora risposto a tutte queste accuse. È facile prevedere che la vicenda non si concluderà rapidamente ma darà il via a una lunga serie di indagini da parte dell'Antitrust europeo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google, maxi-multa in arrivo da Bruxelles

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

A parte che forse questa notizia doveva uscire il primo aprile il paradosso è rafforzato dal fatto che le accuse a Google sono vere ... come quelle che sono state mosse a Microsofta suo tempo. :old: Leggi tutto
4-4-2011 13:14

:malol: :malol: :malol: :malol: :malol: :malol:
3-4-2011 20:41

qui un cencio parla male di uno straccio.... bellissima....
2-4-2011 23:32

è la prima cosa che mi è venuta in mente, ma... sei arrivato prima! :lol: Leggi tutto
1-4-2011 01:12

il bue che da del cornuto all'asino :D
31-3-2011 18:03

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il flop di Windows 8 sembra replicare tristemente quello di Vista e c'è chi comincia a sostenere che Microsoft sia ormai sulla via del declino, dopo aver mancato clamorosamente il successo anche nei telefonini, nei tablet e nei dispositivi embedded.
Windows 8 è perfettamente stabile, facile da usare e non richiede hardware particolare: non è affatto un flop e Microsoft non è in declino.
La qualità del software Microsoft è in calo da anni: mancano soprattutto in visione e in integrazione. Stanno spingendo su troppi fronti, perdendo di vista la qualità complessiva.
Ognuno deve fare bene il proprio mestiere e basta. Microsoft si concentri su Windows, lasciando perdere Zune e tutto il resto; Google insista sui motori di ricerca, non sui social network, la mail o gli occhialini.

Mostra i risultati (6358 voti)
Febbraio 2020
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Tutti gli Arretrati


web metrics