Bug in Facebook, dati personali pubblici per anni

Una falla che risale al 2007 consentiva l'accesso alle informazioni personali alle applicazioni di terze parti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-05-2011]

Facebook bug Symantec dati personali terze parti

Per anni Facebook ha ospitato un bug che consentiva alle applicazioni di terze parti di accedere alle informazioni personali degli utenti.

A rivelarlo è Symantec, secondo la quale il bug garantiva accesso alle fotografie, ai profili, alla chat e consentiva persino di pubblicare dei messaggi a nome dell'utente, aggirando tutte le impostazioni sulla privacy.

Centinaia di migliaia di applicazioni, sempre secondo Symantec, contenevano la falla che riguardava quelle che utilizzavano un vecchio form per l'autenticazione degli utenti.

Tra queste ci sono sono quelle scritte per scrivere un post in bacheca o inviare una risposta agli inviti.

«Non c'è modo di sapere quanti token di accesso siano stati sottratti sin dal lancio delle applicazioni, nel 2007» scrive Nishant Doshi di Symantec. «Temiamo che diverse di questi siano ancora disponibili nei file di log dei server di terze parti, o attivamente sfruttate dagli inserzionisti pubblicitari».

Facebook è stata avvisata del problema subito dopo la scoperta del bug, cui avrebbe già posto rimedio ritirando allo stesso tempo il vecchio sistema di autenticazione.

Normalmente i token che permettono l'accesso scadono dopo un certo periodo di tempo, ma ne esistono alcuni che durano indefinitamente.

Per proteggersi dai token ancora "in libertà", che permetterebbero a terze parti di accedere alle informazioni personali contenuti negli account, gli utenti possono iniziare cambiando la password: questa operazione revoca immediatamente tutti i permessi concessi in precedenza.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Bug in Facebook rende pubblici i post privati di 14 milioni di utenti
Scopre un bug in Facebook e viola l'account di Zuckerberg

Commenti all'articolo (2)

{Carlo}
Un hurrà per tutti i pisquani che usano i social network!
12-5-2011 08:55

Non c'era bisogno di falle. Fessbuk è già una falla in se stesso per i dati degli utenti e per di più con la loro "consapevolezza". :roll:
11-5-2011 22:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A partire da quale età è utile un telefono cellulare?
Prima degli 8 anni
Da 8 a 10 anni
Da 10 a 12 anni
Da 12 a 14 anni
Da 14 a 16 anni
Da 16 a 18 anni
Dopo i 18 anni

Mostra i risultati (3377 voti)
Novembre 2020
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Tutti gli Arretrati


web metrics