L'accordo di non divulgazione che imbarazza Wikileaks

Chi collabora deve promettere di non trafugare informazioni da Wikileaks. O pagare 14 milioni di euro.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-05-2011]

Wikileaks NDA accordo di non divulgazione

C'è qualcosa che non torna in un leak (ossia una fuga di notizie) che colpisce Wikileaks.

New Statesman ha pubblicato un documento, sottratto a Wikileaks Limited, che ha tutto l'aspetto di un accordo di non divulgazione (non-disclosure agreement).

Tale accordo viene fatto sottoscrivere a chi collabora con Wikileaks, imponendo loro l'obbligo di non divulgare in proprio il materiale in possesso dell'organizzazione.

Wikileaks vieta insomma a chi lavora per lei di rivelare i documenti riservati di cui l'organizzazione è in possesso e che essa stessa vorrà pubblicare a proprio piacimento.

Per chi non obbedisce è pronta una penale di 12 milioni di sterline (quasi 14 milioni di euro) motivate dal fatto che una fuga di notizie interna a Wikileaks le farebbe perdere «l'opportunità di vendere l'informazione ad altri notiziari ed editori».

Finora l'organizzazione di Assange non ha mai venduto alcunché, ma il suo fondatore ha ventilato questa possibilità in passato.

C'è tuttavia un aspetto ancora più interessante: a chi firma l'accordo viene vietato di divulgarne il contenuto; anzi, è vietato proprio parlare della sua esistenza a chi non è parte di Wikileaks.

Secondo New Statesman, «Wikileaks prende molto seriamente l'aspetto commerciale della vendita delle 'proprie' informazioni: non ci sarebbe altra spiegazione a tali precise, onerose e inusuali norme».

Il sito continua: «Basandosi su ciò, diventa giusto vedere Wikileaks come nient'altro che un'impresa commerciale che cerca di proteggere e massimizzare i propri introiti vendendo le informazioni trafugate. Se è così, Wikileaks non è nient'altro che un business».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Gli affari sono affari Leggi tutto
22-6-2011 15:04

{Tiziano Dal Farra, Bell}
Mi trovo in disaccordo, e SOLIDALE con la tecnica di WikiLeaks. Che - secondo me - applica intelligentemente e tiene nel cassetto una sorta di liberatoria. Che impegna (come i contratti pre-matrimoniali oggi necessari) il contraente a NON farsi prendere da smanie a posteriori (o preventive) COMMERCIALI. Cui WL *non* intende DI SUO... Leggi tutto
14-5-2011 15:07

Esatto la penso così. Leggi tutto
13-5-2011 15:48

nessun male a fare impresa.. ma...se è semplice impresa, allora non le deve esser dato un gran risalto come "divulgatore" di segreti. Perchè potrebbe divulgarli oppure manternerli ancora segreti semplicemente in base a chi paga di più. Non occorre pretendere che Assange sia un "puro" che difende la verità, ma... Leggi tutto
13-5-2011 15:04

Non c'è nessun male a voler fare business per carità. Sicuramente molti poi vogliono screditarli a priori. Il fatto è che secondo me per molte persone wikileaks è stata quasi mitizzata come "cavaliere puro e senza machia" altre persone invece cercano di farli passare quelli di wikileaks come poveri martiri "pazzi"... Leggi tutto
12-5-2011 16:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il flop di Windows 8 sembra replicare tristemente quello di Vista e c'è chi comincia a sostenere che Microsoft sia ormai sulla via del declino, dopo aver mancato clamorosamente il successo anche nei telefonini, nei tablet e nei dispositivi embedded.
Windows 8 è perfettamente stabile, facile da usare e non richiede hardware particolare: non è affatto un flop e Microsoft non è in declino.
La qualità del software Microsoft è in calo da anni: mancano soprattutto in visione e in integrazione. Stanno spingendo su troppi fronti, perdendo di vista la qualità complessiva.
Ognuno deve fare bene il proprio mestiere e basta. Microsoft si concentri su Windows, lasciando perdere Zune e tutto il resto; Google insista sui motori di ricerca, non sui social network, la mail o gli occhialini.

Mostra i risultati (6366 voti)
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Tutti gli Arretrati


web metrics