Berlusconi e Bernabè, la guerra delle Tv

La rinnovata vitalità di La7 è frutto di una precisa strategia di Bernabè per tutelare gli interessi di Telecom nella questione NGN. E il governo ne farà le spese.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-06-2011]

Franco BernabŔ

Bernabè non ha mai creduto nell'avventura televisiva di La7: ha affermato, ancora di recente, che la televisione è periferica rispetto al business e che bisognerebbe trovare il modo di valorizzarla (traducendo: di venderla).

Da qui vengono i rumor di un interesse di De Benedetti (con in arrivo i soldi del rimborso CIR pagato da Berlusconi) a entrare come socio di maggioranza nella Tv di Telecom.

Ma se Bernabè vedesse positivamente il fatto di riuscire a disfarsi della sua Tv in perdita e incassare un po' di soldini, potrebbe accettare un socio così schierato politicamente?

Se Bernabè non è interessato alle Tv è comunque uno "tosto", un duro abituato a difendersi dalla politica e dai suoi colpi bassi: non per niente parla della sua esperienza al vertice dell'ENI (quando era ancora tutta dello Stato e controllata completamente dal governo) come di un Vietnam da cui è uscito vincitore.

Per questo motivo la sua nuova strategia - messa in atto dal suo stretto collaboratore e amico Giovanni Stella - di rilanciare il palinsesto di La7, puzza un po' di politica.

Tra l'altro, non andrebbe male nemmeno sotto il profilo imprenditoriale. Portare via alla Rai non solo Santoro - dopo aver inserito Mentana - ma Milena Gabanelli, Giovanni Floris, Fabio Fazio e magari anche il direttore di RaiTre Ruffilli, significherebbe mettere su (al di là di quanti davvero lasceranno Mamma Rai) un circo antiberlusconiano davvero temibile per il Cavaliere in caso di elezioni, sia nel caso che siano anticipate, sia che arrivino alla loro naturale scadenza.

Bernabè lo ha detto chiaro: non accetta che Telecom Italia subisca troppi vincoli nella realizzazione della nuova Rete a banda larga (la cosiddetta NGN), come per esempio l'obbligo di coordinarsi con gli altri gestori suoi concorrenti, e di concedergli l'unbundling come sta facendo per la rete tradizionale in rame.

Il governo Berlusconi, come afferma il ministro Romani, è forte anche di impegni che in passato Bernabè ha sottoscritto e ora sembra mettere in discussione.

Se Bernabè insisterà, allora potrebbe essere guerra: una guerra che strappi voti al Berlusconi premier e audience al Berlusconi azionista di Mediaset. E La7, da Tv in passivo, sta diventando e diventerà ancora di più una pistola carica puntata sul governo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (5)

{Uno x tutti, tutti x un}
Forza e vai, che fotse si riesce a dare un calcione a Mediaset ed a Silvio.
14-6-2011 19:23

{sirietto}
Bernabè è solo un avvoltoio in guerra con altri avvoltoi. Gli avvoltoi se ne fregano delle persone (anche dei sostenitori) e le usano per i propri scopi, e se ne impippano anche dello sviluppo sociale perché sono interessati solo a potere e soldi.Se poi entra in campo anche De Benedetti, ne vedremo delle belle...E gli... Leggi tutto
14-6-2011 11:10

Evvai! Leggi tutto
14-6-2011 10:58

Mai commento fu pi¨ bello! :malol:
13-6-2011 18:53

TADA-DA-DAN!! :twisted:
13-6-2011 12:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1256 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics