iPod Classic e Shuffle, è l'ora dell'addio

Apple sarebbe pronta a cancellare due versioni del popolare player. Resteranno solo iPod Nano e Touch.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-09-2011]

Apple iPod Classic Shuffle addio 4 ottobre iPhone

Insieme al lieto annuncio dell'iPhone 5, il prossimo 4 ottobre Apple potrebbe dare anche una notizia meno felice: l'addio agli iPod Classic e Shuffle.

Al momento si tratta soltanto di voci provenienti da non meglio specificate «fonti interne», ma la decisione di abbandonare queste due versioni del popolare player musicale ha una sua logica.

Apple, in fondo, è nota per non offrire un'estrema varietà di prodotti; l'azienda di Cupertino preferisce invece concentrarsi su pochi modelli (o su un unico modello) e puntare sulla qualità.

Si possono poi raccogliere alcuni elementi che sembrano proprio indicare una prossima dipartita degli iPod Classic e Shuffle.

Innanzitutto, la scarsa attenzione che Apple ha ultimamente riservato a questi due modelli: mentre il Nano e il Touch si sono rinnovati continuamente (e il primo in maniera anche piuttosto profonda), gli altri due sono rimasti sostanzialmente sempre uguali a sé stessi (l'ultimo rinnovo dello Shuffle è stato in fondo solo un ritorno al passato).

C'è poi la questione dello schermo: ora che il Nano ha guadagnato il touchscreen, Apple dispone di un iPod di dimensioni ridotte, con iOS, senza l'handicap della mancanza di un display (che invece ha lo Shuffle) e allineato alla filosofia touch che sembra ormai permeare l'intera azienda (e da cui si discosta invece il Classic).

Inoltre, i tempi sembrano ormai maturi per poter dire addio a un sistema di memorizzazione basato su disco rigido: le memorie flash sono ormai sufficientemente capienti perché un player portatile possa fare affidamento su di loro, anche se ancora non si riesce a uguagliare lo spazio offerto da un iPod Classic.

Occorre poi sottolineare come l'iPhone stesso faccia concorrenza all'iPod: quando è nato, 10 anni fa, l'iPod era riuscito a diventare rapidamente lo strumento d'elezione per ascoltare la musica in movimento, conquistando la posizione un tempo occupata dal Walkman.

Ora, però, smartphone sempre più capienti e versatili rubano facilmente la scena a dispositivi che, al loro confronto, appaiono più limitati. Anche per questo Apple potrebbe aver deciso di ridurre la propria offerta di iPod.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Peccato, spero che almeno il classic sopravviva anche se per la maggiorparte degli usi bastano "pochi" gb e il touch e altri prodotti simili sono più funzionali e leggeri l'ipod classic rimane un simbolo oltre a permetterti di portare tutto il tuo archivio musicale con te volendo.
1-10-2011 14:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si è trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi città: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, è solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai né a Milano né in altre grandi città.

Mostra i risultati (2447 voti)
Settembre 2022
Da Amazon un Kindle su cui si può anche scrivere
La “tanica di benzina” per le auto elettriche
La strana storia dell'utente HME2 di Arpanet
LibreOffice diventa a pagamento
2022, fuga dall'open source
Dati a spasso nel cloud
Di chi sono i tuoi dati quando muori?
Smartphone, l'UE vuole pezzi di ricambio disponibili per almeno 5 anni
Ex designer di Microsoft demolisce il menu Start di Windows 11
Auto Hyundai “hackerata”
Agosto 2022
Genitori indagati dopo aver mandato foto dei figli ai medici
DuckDuckGo, la protezione delle email è per tutti
Il computer portatile economico che fa a meno del monitor
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 1 ottobre


web metrics