Se Facebook si trasforma in un sito porno

Una campagna di spam e una vulnerabilità riempiono il social network di immagini pornografiche.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-11-2011]

facebook porno anonymous

Per circa 24 ore, una vulnerabilità nel social network più famoso ha riempito Facebook di immagini pornografiche e di foto che ritraevano violenze su animali.

Per tutta la giornata di ieri, moltissimi utenti hanno segnalato che sui vari profili apparivano - e aumentavano di numero - immagini hardcore, alternate in alcuni casi da foto di atti violenti compiuti su animali.

Tra le immagini c'erano anche foto ritoccate del cantante Justin Bieber, che risultava così ritratto in pose erotiche (vedi il filmato qui sotto, l'articolo prosegue dopo).

Lo staff tecnico di Facebook si è messo subito al lavoro, ma c'è voluto un giorno intero prima che venisse scovata e risolta (ora la situazione è tornata alla normalità) la vulnerabilità XSS all'origine del problema.

Nel frattempo, gli utenti si sono trovati davanti - nei feed - immagini che non avrebbero voluto vedere, e in qualche caso hanno deciso di abbandonare il social network: «la prima cosa che ho visto è stata la foto di un cane morto. La mia relazione con il sito è decisamente finita» ha spiegato un utente secondo quanto riportato da Forbes.

Tutto pare aver avuto inizio grazie all'incoscienza di quegli iscritti che hanno cliccato su alcuni link-trappola: ciò avrebbe portato a scaricare sul computer un virus, il quale avrebbe poi compromesso l'account sfruttando la vulnerabilità resa nota oggi.

Proprio il meccanismo d'infezione scagionerebbe il collettivo Anonymous, inizialmente ritenuto responsabile dell'attacco anche per via di un video in cui annunciava azioni contro Facebook: non è questo il solito modo di procedere di Anonymous.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Una vulnerabilità in un sito, in un applicativo si troverà sempre... E altrettanto sempre sarà facile trovare un umano pronto a cliccare su un link per infettarsi quasi volutamente...
20-11-2011 13:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (2023 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Tutti gli Arretrati


web metrics