Google chiude il progetto sulle rinnovabili

L'iniziativa per ridurre il costo delle energie rinnovabili termina qui, ma gli investimenti continueranno.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-11-2011]

google chiude rinnovabili

Tra le vittime dell'ultima "pulizia generale" ordinata da Google non ci sono solo diversi servizi che, per una ragione o per l'altra, non sono mai riusciti a decollare.

Tra le iniziative destinate a chiudere c'è anche il progetto Renewable Energy Cheaper than Coal (letteralmente: energie rinnovabili più economiche del carbone).

Lo scopo di REC, lanciato nel 2007, era abbassare i costi delle energie rinnovabili, in modo da renderle competitive nei confronti delle energie tradizionali: in particolare, puntava a ridurre i costi dei pannelli solari del 25%. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Considerando costi, tempi di realizzazione e possibili conseguenze, su quale fonte di energia alternativa ai combustibili fossili bisognerebbe maggiormente puntare?
Solare
Eolica
Geotermica
Biomasse
Idrogeno
Nucleare
Idroelettrica

Mostra i risultati (6514 voti)
Leggi i commenti (29)
Fino a oggi, Google ha investito nelle rinnovabili oltre 850 milioni di dollari, e la chiusura del progetto REC non comporta le fine degli investimenti, e quelli fatti finora all'interno dell'iniziativa sono serviti ad accumulare conoscenze che non saranno certamente gettate via.

D'altra parte, negli ultimi tempi per Google s'è palesata la necessità di concentrarsi su quello che è il proprio core business e ridurre le divagazioni che poteva permettersi in termini economici quando la crisi era ancora lontana.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Un progetto che non aveva più senso in quanto questo pareggio, che poi è solo per l'industria in quanto quello domestico è da tempo raggiunto, è vicino anzi vicinissimo ed è oramai solo per quantità di scala: Più produci = meno costa = Più pareggio. Anzi tra poco si parla già di superare la forma più economica che è il gas. Ciao
26-11-2011 17:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qui sotto trovi in ordine alfabetico i 20 marchi più pregiati nel 2014, secondo la celebre classifica compilata da Millward Brown. Secondo te qual è il più pregiato? Confronta poi il tuo voto con questo link.
Amazon
Apple
AT&T
China Mobile
Coca-Cola
GE
Google
IBM
Industrial and Commercial Bank of China
McDonald's
Marlboro
Mastercard
Microsoft
SAP
Tencent
UPS
Verizon
Visa
Vodafone
Wells Fargo

Mostra i risultati (2328 voti)
Agosto 2020
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Tutti gli Arretrati


web metrics