Danno acquedotto, non erano stati gli hacker

Le indagini di FBI e DHS eslcudono l'intrusione informatica. Ma non tutti ci credono.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-11-2011]

Hacker acquedotto

A quanto pare non è colpa di pirati informatici, come inizialmente si credeva, se una pompa dell'acquedotto di Springfield (Illinois, USA) si è guastata.

Le indagini condotte da FBI e DHS escludono completamente la possibilità che tutto sia dovuto a un'intrusione dall'esterno.

«Dopo aver condotto analisi dettagliate, DHS e FBI non hanno trovato alcuna prova di una cyberintrusione nel sistema del Curran-Gardner Public Water District di Springfield, Illinois» hanno affermato le due agenzie.

«Non c'è alcuna prova a supporto delle affermazioni fatti nel rapporto iniziale - che era basato su dati grezzi, non confermati e arrivati ai media - secondo le quali alcune credenziali sarebbero state rubate. Inoltre, DHS e FBI hanno concluso che non c'è stato traffico malevolo dalla Russia o da altre entità straniere».

Contro le affermazioni ufficiali, cui seguirà un'analisi dettagliata, pubblicata prossimamente, si leva nuovamente la voce di Joseph Weiss, secondo il quale si starebbe nascondendo la verità. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Worm, virus, trojan horse, spyware, rootkit, dialer, hijacker. Chi li produce?
Smanettoni che vogliono provare la loro abilità
Pirati informatici professionisti con lo scopo di trarne profitto
Gli stessi che poi fanno gli antivirus
Gruppi con finalità politiche di destabilizzazione

Mostra i risultati (5276 voti)
Leggi i commenti (25)
L'obiezione fondamentale di Weiss riguarda il modo in cui le due agenzie hanno classificato il rapporto da cui tutto è partito: non si trattava - dice Weiss - di un rapporto iniziale che avanzava ipotesi, ma di un documento che dava per assodati certi fatti (l'intrusione dalla Russia, la sottrazione delle password).

«Com'è possibile» - si chiede Weiss - «che quei fatti all'improvviso non reggano più?».

«O c'è un indirizzo IP in Russia, o non c'è» continua Weiss, il quale ritiene che FBI e DHS stiano cercando di mettere a tacere il pericolo corso dalle infrastrutture americane.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (381 voti)
Settembre 2021
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Luglio 2021
Nuovo digitale terrestre, tutto rimandato
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 16 settembre


web metrics