Universal: Rimuoviamo da YouTube i video che non ci piacciono

Un accordo privato con Google consentirebbe alla major di rimuovere tutti i filmati sgraditi, anche se non ne detengono i diritti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-12-2011]

universal megaupload youtube

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
La canzone di MegaUpload (censurata dalle major)

La vicenda della canzone di MegaUpload (a più riprese eliminata da YouTube a seguito delle lamentele di Universal) sta prendendo una piega sempre più strana.

Già l'inizio non è stato molto lineare: mentre Universal continuava a inviare le takedown notice, gli artisti che avevano partecipato continuavano a ripetere di non aver autorizzato l'etichetta - che non possedeva alcun diritto sulla canzone - a intervenire.

Ora, però, le cose si arricchiscono di un nuovo mistero il quale, se non altro, spiega perché la major riuscisse senza problemi a togliere da YouTube un video su cui non deteneva diritti ogni volta che questo riappariva. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Quando cerchi un brano musicale, o un intero Cd, cosa fai più spesso?
Scarico il brano o il Cd su iTunes: costa poco ed è legale.
Scarico l'Mp3 con Torrent o eMule o altro servizio simile.
Ascolto la canzone in streaming (per esempio su Youtube), anche se non posso scaricare l'Mp3.
Vado nel mio negozio di dischi o maxistore preferito.
Altro.

Mostra i risultati (3440 voti)
Leggi i commenti (10)
Dopo i fatti dell'altro giorno, MegaUpload aveva fatto ricorso a un giudice perché Universal smettesse di richiedere l'eliminazione del video.

La casa discografica ha risposto spiegando alla corte che non può farsi imporre nulla dal tribunale perché, in primo luogo, un eventuale ordine restrittivo di quel tipo non è autorizzato dal Digital Millennium Copyright Act.

In secondo luogo, Universal sostiene che comunque le proprie richieste di eliminazione della canzone non hanno nulla a che vedere con il DMCA; riguardano invece un accordo tra lei stessa e YouTube.

I dettagli dell'accordo non sono stati resi noti ma, stando a quanto ha scritto Universal al tribunale, il documento le darebbe «il diritto di bloccare o rimuovere i video inseriti dagli utenti usando il CMS di YouTube in base a un insieme di criteri specificati nel contratto».

Il che, in altre parole, consente alla casa discografica di rimuovere quel che le pare, che contravvenga al DMCA o meno.

Le regole in base alla quale Universal può agire sono contenute nel Video License Agreement for UGC Video Service Providers, paragrafi 1(b) e 1(g), concluso nel 2009 tra la major e Google; non se ne conosce il contenuto, ma forse è ora che Google faccia sapere quali poteri ha concesso alle case discografiche sui video degli utenti privati.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Megaupload song, Google nega accordo con Universal

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il Napster di Universal Music

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

prima di gridare al boicottamento generale, bisognerebbe ascoltare le parti.... link
17-12-2011 22:58

- Prendi un secchiello - riempilo di fango - inforna il tutto a 180° - attendi 45 minuti - tira fuori dal forno ed otterrai qualcosa di simile a questo contratto. Che schifo di modi... :grrr:
17-12-2011 05:19

Un ottmo motivo per boicottare You tube. O siamo tutti troppo pigri per riuscire a farlo? Neppure Google, alla fine, si dimostra più pulita degli altri, anzi.... Alla fine nonostante il velo di "bontà" che la società ricama su se stessa, dimostrano di non avere uno straccio di deontologia professionale ne di rispetto per... Leggi tutto
16-12-2011 21:15

{andyanz}
si chiama "mafia", e lo dimostrano ogni giorno di più...
16-12-2011 16:35

sono curioso di come andrà a finire, perchè il video di per sè e semplice e bello, non si può censurare una cosa del genere(adesso per sfizzio lo vado a uploadare su youtube u.u)
16-12-2011 14:55

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quando partecipi a una discussione, che cosa ti infastidisce al punto da spingerti ad abbandonarla?
L'accorgermi che l'argomento che mi interessa viene trattato con troppa superficialità.
Scoprire che un mio interlocutore cerca di convincermi della sua idea anziché confrontarsi sul tema.
Trovare, fra le persone con cui discuto, qualcuno arrogante e supponente.
Vedere che alcuni si esprimono in un pessimo italiano.
Notare che l'interlocutore si basa su fatti palesemente fasulli per motivare le sue affermazioni.

Mostra i risultati (2827 voti)
Gennaio 2020
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Tutti gli Arretrati


web metrics