SOPA, GoDaddy ritira il sostegno

Il più grande registrar al mondo fa retromarcia: deve arginare l'emorragia di utenti arrabbiati per il supporto alla legge antipirateria.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-12-2011]

godaddy sopa

Le proteste contro SOPA - la legge antipirateria in discussione al Congresso degli Stati Uniti che ha già l'opposizione di moltissimi protagonisti del web - stanno convincendo qualche sostenitore della prima ora a fare marcia indietro.

È il caso, per esempio, di GoDaddy, noto registrar americano e fornitore di servizi di hosting, che inizialmente aveva dichiarato pubblicamente il proprio sostegno a SOPA.

Non appena la voce del supporto da parte di GoDaddy alla legge si è diffusa, però, molti clienti (più di 70.000) hanno iniziato ad abbandonare il provider, spostando i propri domini verso altri fornitori che non si sono "compromessi" allo stesso modo. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
I provider che filtrano il peer to peer
consentono a tutti gli utenti di usufruire della banda larga
ledono i diritti degli utenti che hanno acquistato un abbonamento a banda piena

Mostra i risultati (6010 voti)
Leggi i commenti (10)
L'effetto è stato rapido: ora GoDaddy è tornato sui propri passi, dicendo di averci ripensato e che tornerà a sostenere la legge soltanto se i maggiori protagonisti del web faranno altrettanto.

Che la retromarcia sia dovuta propria all'emorragia di clienti è indicato dall'indagine compiuta da GoDaddy stesso telefonando agli ex-utenti per chiedere loro il motivo dell'abbandono e sentendosi rispondere che era tutta colpa del sostegno a SOPA pubblicamente annunciato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Quoto e STRAquoto in pieno!! :roll: Leggi tutto
30-12-2011 02:10

Eh ma il motivo per cui in Italia non si cambia o si cambia poco Ŕ proprio questo, figurati se questi squali (senza offesa per gli squali) lasciano approvare leggi che veramente permettono ai clienti/utenti di segliersi un altro operatore in modo trasparente e indolore... Leggi tutto
29-12-2011 19:24

Questo e' un altro tasto dolente e ti capisco un pieno Leggi tutto
29-12-2011 18:21

Io ho giÓ cambiato quattro volte, negli ultimi 10, anni gestore telefonico e internet, due volte mi Ŕ andata bene ma in due casi ci ho rimessi soldi e tempo. SarÓ perchŔ, in Italia, a parole ci sono leggi che ti tutelano ma poi per farti tutelare devi spendere 10 volte quello che ti risparmi in avvocati??? Tornando all'articolo sono... Leggi tutto
29-12-2011 17:44

troppo tardi, il boicottamento non si fermerÓ per una mossa di marketing.
29-12-2011 17:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come bisogna definire chi commette intrusioni informatiche?
un hacker
un cracker
un grissino

Mostra i risultati (4454 voti)
Febbraio 2020
Il primo smartphone con Windows 10
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics