Il televisore che riconosce gli spettatori

Identifica chi gli sta davanti e propone le applicazioni e i canali preferiti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-01-2012]

samsung dual core tv evolution kit

L'era delle Smart TV - televisori dotati di funzionalità avanzate, che li accomunano più ai PC che ai loro diretti predecessori - pone problemi nuovi.

Un televisore "comune", che serve unicamente a visualizzare i programmi trasmessi dai vari canali, finché funziona non richiede manutenzione: non c'è nulla da aggiornare o migliorare. Al limite, si tratta di venire a patti con il passaggio dalla tecnologia analogica a quella digitale (e quindi acquistare un decoder) o sostituire in toto l'apparecchio con uno che offre una qualità visiva superiore.

Se però la TV è smart, i componenti interni potrebbero un giorno non essere più in grado di reggere le nuove versioni dei software, pensate per hardware più potente, esattamente come capita da sempre con i computer.

Ecco dunque che Samsung - azienda che crede particolarmente nei televisori "intelligenti", come dimostrano i prodotti presentati al CES - ha trovato la soluzione: l'Evolution Kit.

Si tratta di un concetto da sempre presente nel mondo dei PC: costruire apparecchi modulari che permettano di sostituire i singoli componenti, così da aumentare la vita del dispositivo nel suo complesso procedendo tramite upgrade successivi. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
La televisione in tre dimensioni... (completa la frase)
è la nuova frontiera dell'intrattenimento domestico.
è inutile e in più fa male alla vista.
serve solo a vendere nuovi televisori e decoder.

Mostra i risultati (5009 voti)
Leggi i commenti (11)
Prendiamo per esempio il recente ES8000, dotato di processore dual core. La CPU è indispensabile perché deve gestire le funzionalità avanzate che il televisore offre.

La videocamera 3d integrata nella cornice, infatti, e i microfoni consentono di controllare il televisore nella stessa maniera in cui il Kinect di Microsoft permette di giocare con la Xbox: le tecnologie di riconoscimento vocale e dei movimenti permettono di mandare in pensione, o quasi, il telecomando.

Per accendere il televisore è sufficiente una breve frase, per navigare in Internet tramite il browser integrato basta muovere la mano, e sollevando il braccio si alza il volume; è persino possibile giocare a Angry Birds, passando da un'applicazione all'altra grazie al multitasking.

Grazie al riconoscimento facciale, inoltre, il televisore è in grado di riconoscere chi gli sta davanti e gestire profili differenziati per ogni utente: per ciascuno caricherà opzioni personalizzate e proporrà i contenuti e le applicazioni più graditi.

Quando, poi, Samsung distribuirà un aggiornamento software troppo pesante per l'hardware che nel 2012 è il meglio che ci sia sul mercato, allora tornerà utile l'Evolution Kit: basterà sostituire il processore con uno più potente e l'ES8000 potrà ancora dire la propria.

L'integrazione tra il mondo dei PC e quello dei televisori, da tempo pronosticata, passa dunque anche attraverso la possibilità di non dover cambiare apparecchio ogni pochi anni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Android 12 si controlla con le espressioni del viso

Commenti all'articolo (3)

Speraci... :lol: :lol: :lol: Leggi tutto
14-1-2012 14:25

Allora se vede me si spegne da solo visto che la tv non la guardo neanche se mi pagano! :lol:
11-1-2012 21:10

Quindi recapiteranno il componente aggiuntivo direttamente a casa e aggratis giusto? GIUSTO? Perché sennò mi sa che ci si possono pulire il sederino con i nuovi processori...
11-1-2012 10:58

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (768 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 gennaio


web metrics