Google, Microsoft e Facebook alleate contro il phishing

Nasce DMARC, un nuovo standard che trasformerà le truffe via email in un lontano ricordo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-02-2012]

dmarc alleanza phishing

Uno dei principali flagelli della posta elettronica - il phishing - ha ora un nuovo nemico: DMARC, acronimo di Domain-based Message Autentication, Reporting and Conformance.

Creato da un'alleanza di cui fanno parte colossi tra i fornitori di servizi e-mail quali Google, Microsoft, Yahoo e AOL (ma vi sono anche Bank of America, Facebook, PayPal e altri), è un insieme di specifiche tecniche - che mira a diventare uno standard riconosciuto dalla IETF - per fornire un'identificazione sicura dei mittenti e dei messaggi. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Come proteggi il tuo computer?
Proteggere? Dai ladri, forse?
Ogni tanto utilizzo un antivirus online.
Ho un antivirus e tengo aggiornato il sistema operativo.
Ho antivirus, firewall, antispyware, parental control e ogni sorta di protezione.
Utilizzo Linux.
L'unico computer sicuro è un computer offline.

Mostra i risultati (5673 voti)
Leggi i commenti (49)
Le verifiche previste da DMARC, cui i messaggi provenienti dai domini aderenti all'alleanza vengono sottoposti, fanno sì che i messaggi di natura fraudolenta vengano bloccati, così da lasciar passare soltanto quelli che certamente sono veritieri.


Schema del funzionamento di DMARC

L'idea è che nessun utilizzatore di Gmail vedrà più arrivare, nella propria casella di posta, una falsa richiesta di informazioni da parte di PayPal o di Facebook, inviata dal truffatore di turno.

I sistemi adottati per le verifiche incrociate comprendono tecnologie come Sender Policy Framework (per la verifica degli indirizzi IP) e DomainKeys Identified Mail (per la verifica della struttura dei messaggi).

«La truffa tramite phishing colpisce milioni di persone e aziende ogni anno, con conseguente perdita di fiducia dei consumatori nella posta elettronica e Internet nel suo complesso» ha dichiarato Brett McDowell, di PayPal, spiegando la necessità di uno standard come DMARC.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

in realtà queste cose vanno fatte direttamente con il client, però, siccome non c'è uno standard, se lo stanno facendo loro server side, detto in parole povere: è un compromesso. Leggi tutto
6-2-2012 18:05

E io poi come faccio a visitare il sito e come username scrivere "yourmother" e password "fucker@inass.org" se non ricevo più mail di phishing?? :lol: Leggi tutto
2-2-2012 15:09

Tutte ste' stronz....ate che non servono a niente mentre basterebbe semplicemente collegare il cervello. Invece di pretendere di convertire a tutti i costi internet in disneyland perchè non spiegano chiaramente agli utonti che internet non è disneyland ed amplifica semplicemente la possibilità di essere truffati già comunque... Leggi tutto
2-2-2012 15:05

se funziona correttamente, il fatto che sia totalmente server-side lo vedo come vantaggio:trasparenza per l'utente (la maggior parte non saprebbe mettere su dei filtri decenti) minor consumo di risorse (i messaggi non vengono neanche salvati sul server) minor traffico (il traffico si ferma al server e non viene inutilmente generato... Leggi tutto
1-2-2012 16:58

Visto che molti messaggi di phishing si spacciano per spediti dalle banche, non mi sembra così strano Leggi tutto
1-2-2012 16:51

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I cartelli di avviso inducono gli automobilisti a manovre di emergenza, frenando di colpo per poi accelerare nuovamente una volta passato l'autovelox. È allo studio un progetto di rimuovere tutte le segnalazioni anche da app e navigatori: sei d'accordo?
Sì, le strade saranno più sicure
No, servirà solo ad aumentare le multe

Mostra i risultati (2461 voti)
Giugno 2022
Campana a morto per Windows 8.1
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 giugno


web metrics