Tutti i dati personali lasciati su Facebook in un pacchetto

E' possibile scaricare (quasi) tutte le informazioni regalate al social network nel corso del tempo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-04-2012]

download your information

Facebook ha deciso di potenziare la funzionalità Download Your Information, lanciata nel 2010 per consentire agli utenti di scaricare i propri dati personali.

Si tratta della funzione criticata a suo tempo da Max Schrems, lo studente austriaco il quale scoprì che Facebook conserva anche i dati che gli utenti cancellano dai propri profili.

Rispetto alla versione originale, che permetteva di ottenere fotografie, post, messaggi, liste degli amici e conversazioni in chat, la nuova Download Your Information permette anche di scaricare gli indirizzi IP, i nomi usati in precedenza, le richieste di amicizia inviate e ha spazio per ulteriori informazioni che saranno aggiunte in futuro al pacchetto.

Si tratta di un passo avanti nel permettere agli utenti di sapere quali informazioni il social network possiede su di loro, ma forse ancora non basta.

Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (399 voti)
Leggi i commenti (6)

È ancora Schrems a sostenere che Facebook possiede molti più dati di quelli che condivide con i loro legittimi proprietari: «Ci fa piacere che gli utenti di Facebook ora abbiamo un accesso maggiore ai propri dati, ma Facebook non si conforma ancora alla Direttiva Europea sulla Protezione dei Dati» ha dichiarato.

«Con questi cambiamenti» - ha poi continuato lo studente - «Facebook offrirà accesso soltanto a 39 categorie, ma conserva almeno 84 di tali categorie di dati su ogni utente».

La versione potenziata di Download Your Information diventerà gradualmente disponibile per tutti gli oltre 800 milioni di utenti del social network, e sarà accessibile dalle impostazioni dell'account.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook, 25.000 adesioni alla class action per la privacy

Commenti all'articolo (3)

Fra FB e la privacy dei suoi utilizzatori c'è una nota e annosa idiosincrasia per cui credo che, ancora una volta, FB abbia ideato una funzione che è più utile a lei che ai suoi utonti. Come non lo so ma sono certo che sia così.
22-4-2012 18:38

Io sono scettico, diffidente al massimo verso facebook e sto lontano. :? So che tempo addietro qualcuno ha usato la mia mail su facebook per i messaggi che mi sono ritrovato nella casella di posta, ma non andrò a curiosare per scoprire se sta conservata da qualche parte. :wink:
17-4-2012 00:19

chiaramente non si ha la controprova che ciò che viene "scaricato" è tutto ciò che l'utente ha dato o che Facebook in un modo o nell'altro ha... ma comunque per chi usa intensamente il network può essere comodo per avere una idea di cosa si è nel tempo via via condiviso
16-4-2012 16:30

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Science ha pubblicato una classifica di 10 grandi scoperte avvenute nel 2011. Quale ritieni che sia la più significativa?
Nuovi metodi per la lotta all'AIDS. I trattamenti somministrati alle persone infette da HIV riducono il tasso di trasmissione: si potranno elaborare nuove strategie.
L'origine delle meteoriti. La missione giapponese Hayabusa ha scoperto che le meteoriti che più comunemente cadono sulla Terra provengono da un unico gruppo di asteroidi.
Luce sull'origine dell'uomo. Molte persone hanno ancora tracce di DNA arcaico, frutto di incroci avvenuti nella preistoria.
I meccanismi della fotosintesi. Scienziati giapponesi hanno scoperto la proteina usata dalle piante per separare acqua e ossigeno. Potrebbe aprire la strada per produrre energia pulita.
Gas primordiale. Sono state scoperte delle nubi di gas primordiale, rimaste nelle condizioni in cui si trovavano poco dopo il Big Bang.
Microbioma. I microbi che abitano nel nostro corpo non sono casuali ma appartengono a tre enterotipi, uno dei quali dominante. Conoscerli può aiutare a elaborare strategie personalizzate contro le malattie.
Vaccino contro la malaria. La sperimentazione ha fornito i primi risultati promettenti dopo anni infruttuosi.
Esopianeti. Le scoperte di Kepler hanno scovato dei "fratelli" della Terra che li costringeranno a rivedere le teorie sulla formazione dei pianeti.
Zeoliti sempre più efficienti ed economiche. Le zeoliti sintetiche sono minerali usati come "setacci molecolari" per ottenere la benzina dal petrolio, per purificare l'acqua o l'aria.
Prevenire l'invecchiamento. Eliminare le celle più vecchie, non più in grado di dividersi, si è rivelato un buon metodo per mantenerci sani più a lungo.

Mostra i risultati (5077 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Tutti gli Arretrati


web metrics