PirateEye becca i pirati al cinema

Il dispositivo individua le videocamere e i cellulari usati per registrare illegalmente i film in sala.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-05-2012]

pirateeye pirati cinema

Anche se non è più diffuso come qualche anno fa, il fenomeno del camming - la pratica di riprendere con videocamere amatoriali i film nelle sale cinematografiche - è tuttora una spina nel fianco delle major.

Secondo Chris Dodd, presidente e CEO dell'americana MPAA, oggigiorno i film ottenuti e illegalmente diffusi in questo modo rappresentano soltanto il 5% dei 100 titoli più piratati; eppure paiono ancora troppi.

Finora le case cinematografiche si erano difese dal camming tramite controlli e perquisizioni, ma ora i Motion Pictures Laboratories (finanziati dai più grandi studios di Hollywood) hanno ideato un sistema alternativo.

Si chiama PirateEye e il suo sviluppo, iniziato nel 2006, è costato 5 milioni di dollari.

Consiste in alcune telecamere piazzate nelle sale cinematografiche e in un software che è in grado di identificare le lenti di videocamere e cellulari; le riprese così effettuate, se identificano qualche trasgressore, vengono conservate a titolo di prova del reato; in caso contrario sono distrutte.

Sondaggio
Dove e come sei solito vedere i film?
Al cinema.
A casa, quelli trasmessi in Tv.
A casa, sul Pc.
A casa, con un lettore multimediale.
Ovunque, sul cellulare (oppure iPad / iPod / lettore Mp3)

Mostra i risultati (3387 voti)
Leggi i commenti (13)

Pare che il sistema sia già in funzione in alcuni cinema degli USA e abbia portato all'arresto di più di 10 persone, nonostante le ovvie preoccupazioni circa la privacy che PirateEye genera.

Alle obiezioni di questo tipo Brian Dunn - CEO di PirateEye - risponde che, in fin dei conti, questo sistema non è peggiore dei sistemi di sorveglianza a circuito chiuso che si trovano ormai dovunque.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

In effetti una spesa di 5 milioni di dollari - più quello che costa ogni installazione - per un 5 % della pirateria (se veramente lo è poichè non credo che i film piratati con questo sistema siano poi così diffusi oggi considerata la scarsa qualità) paiono veramente troppi. C'è sicuramente un altra ragione più importante...
5-5-2012 13:47

:lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:
3-5-2012 16:39

Diciamo la verità, questi pervertiti vogliono guardarmi mentre pratico il cumming, altro che camming!
3-5-2012 16:16

5 milioni di dollari spesi per un misero 5%..(ammesso che i dati siano reali) se i soldi fossero stati incassati dalle major avrebbero fruttato di più del mal tolto...eheheh in più i film condivisi con questa tecnica sono pessimi!!! pur di inserire un nuovo occhio elettronico sarebbero capaci di inventarsi di tutto
3-5-2012 00:35

venite con noi, con noi si sta bene.... Leggi tutto
2-5-2012 23:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (398 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics