Facebook? È come il sesso

Una serie di studi dimostrano come usare il social network dia un piacere analogo a quello dato da cibo, soldi e sesso.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-05-2012]

facebook piacere sesso

Una serie di studi, condotti da Diana Tamir e Jason Mitchell dell'Università di Harvard hanno permesso di svelare perché Facebook sia usato con così tanta soddisfazione da oltre 900 milioni di persone.

La parola chiave è «piacere». I ricercatori affermano che i discorsi che facciamo sono, per il 30% o 40% dei casi, concentrati su noi stessi.

Considerando i social media, la percentuale di post che raccontano le nostre esperienze od opinioni personali è pari almeno all'80%: sembra evidente che alle persone piaccia parlare di sé, di ciò che conosce e di ciò che ha fatto.

Diana Tamir e Jason Mitchell hanno scoperto che ciò accade perché, quando si parla di sé, nel cervello si attivano le stesse aree legate al piacere prodotto dal cibo, dal denaro e dal sesso, provocando un rilascio di dopamina.

Per provarlo hanno effettuato diversi esperimenti con dei volontari. In uno di essi hanno permesso di scegliere tra rispondere a delle domande in maniera oggettiva, ricevendo in cambio una certa somma di denaro, e raccontare le proprie opinioni, ricevendo in questo caso una somma inferiore.

Sondaggio
Facebook è un gran bel social network, però...
... genera dipendenza e condiziona la mia vita reale.
... mi rende più ansioso o più depresso del solito.
... non c'è nessun "però".
... non lo uso.

Mostra i risultati (2391 voti)
Leggi i commenti (1)

In molti casi i volontari hanno optato per la ricompensa inferiore pur di poter esprimere il proprio giudizio.

Ulteriori studi hanno poi dimostrato come sia la semplice condivisione delle informazioni, e non necessariamente il parlare di sé, a scatenare l'intenso piacere che è evidentemente la causa della popolarità di Facebook (ma a questo punto anche dei blog, di Twitter e del cosiddetto web 2.0 in generale).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

Mah... piacevole come il sesso proprio no, ma utile - a volte- sì.
31-5-2012 22:22

Facebook è come il sesso. Quello onanistico.
31-5-2012 21:44

Perchè FB serve SOLO per CUCCARE!!! :lol: Infatti non è eccitazione sessuale vera ma di pregustare il "bocconcino".... :lol: :lol: :lol: Come sono indietro questi inglesi, mamma mia... :twisted: Ciao Leggi tutto
18-5-2012 17:11

Massimo chi?
18-5-2012 17:04

come il sesso parlato al massimo :roll: :mrgreen: Leggi tutto
18-5-2012 14:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1231 voti)
Febbraio 2020
Il primo smartphone con Windows 10
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics