Il virus che intima di pagare la multa

Si spaccia per un comunicato della Polizia o della Guardia di Finanza, ma è solo un tentativo di frode informatica.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-06-2012]

frode multa gdf

Sta tornando a insidiare i PC una nota frode telematica che fa leva sulla paura per estorcere denaro.

All'improvviso, mentre si naviga in Internet, il browser mostra una pagina dall'apparenza ufficiale - mostra il logo della Guardia di Finanza, del CNAIPIC, della Polizia Postale o persino della SIAE - e informa il malcapitato utente che è stato beccato con le mani nel sacco.

Il "reato" può variare: c'è chi s'è visto accusare di aver diffuso con tecniche di spam materiale terroristico o pedofilo, e c'è chi invece è stato semplicemente accusato di essere un pirata e di aver quindi violato il diritto d'autore.

In diversi casi la pagina afferma anche che il computer è stato bloccato, e in effetti per lo meno non si riesce più a navigare in Internet.

Qualunque sia l'accusa, il rimedio proposto per riavere il controllo del proprio PC è uno solo: seguire un link gentilmente fornito e pagare una "multa" di 100 o (nei casi più fortunati) di 50 euro. Come se bastasse una multa per fermare pedofili e terroristi.

Sondaggio
Quanto spam ricevi in media ogni giorno?
Uno o due messaggi
Meno di dieci messaggi
Tra i dieci e i venti messaggi
Tra i venti e i cinquanta messaggi
Tra i cinquanta e i cento messaggi
Tra i cento e i cinquecento messaggi
Oltre cinquecento messaggi

Mostra i risultati (3632 voti)
Leggi i commenti (13)

Dovrebbe essere ovvio che nessuna delle autorità citate più sopra agirebbe mai in quel modo per rintracciare chi viola la legge: l'intera vicenda è infatti una frode, peraltro già segnalata dalla Guardia di Finanza e di cui abbiamo parlato anche nei forum e in Pronto Soccorso Virus, spiegando anche come risolverla.

Sfruttando una qualche vulnerabilità del sistema operativo un malware si introduce nel PC e imposta quale home page del browser la pagina "incriminante" che intima il pagamento della fantomatica multa: la soluzione tuttavia non è pagare, ma utilizzare i programmi adatti per rimuovere i software pericolosi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Oddio, secondo me la SIAE userebbe mezzi del genere eccome se potesse...
6-6-2012 12:47

Il primo esempio di pishing statale???? Mmmmm... :?
5-6-2012 19:27

Mmmmm.... E se invece si trattasse di una ultimamente chiacchieratissima catena di riscossione della premiata Ditta Fisco & Affini?
5-6-2012 12:58

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si è trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi città: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, è solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai né a Milano né in altre grandi città.

Mostra i risultati (2423 voti)
Gennaio 2022
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 gennaio


web metrics