Così le zanzare resistono alla pioggia

Capire come fanno i piccoli insetti a sopravvivere sotto un acquazzone aiuterà a progettare i robot volanti di domani.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-06-2012]

zanzara sopravvive pioggia

Un gruppo di ricercatori del Georgia Institute of Technology è riuscito a rispondere - pubblicando uno studio su PNAS - a una di quelle domande che forse non sono in cima alla lista delle priorità di molti ma costituiscono comunque una interessante curiosità e possono avere ricadute positive.

Hanno infatti scoperto il motivo per cui la pioggia non rappresenta una minaccia per le zanzare: a rigor di logica, ci si aspetterebbe che le gocce d'acqua rappresentino un pericolo mortale per i piccoli insetti.

In realtà non è così. Per capirlo, i ricercatori hanno realizzato un esperimento, creando una gabbia trasparente con un il tetto formato da una rete a maglie abbastanza fini da non permettere alle zanzare di uscire ma sufficientemente larghe da lasciare entrare l'acqua, simulando la pioggia.

Riprendendo il tutto con telecamere ad alta velocità, gli studiosi hanno carpito il segreto delle zanzare e scoperto come mai una singola goccia di pioggia - che può pesare da 2 a 50 volte più di una zanzara («lo stesso rapporto di massa che c'e' tra una persona ed un fuoristrada» come spiegano gli autori dello studio) - non sia una minaccia fatale.

Il segreto è duplice. Da un lato consiste nella robustezza dell'esoscheletro di questi insetti. Dall'altro riguarda la massa delle zanzare: essa è così ridotta da non rappresentare un ostacolo significativo per le gocce di pioggia, il cui impatto sul corpo degli insetti è in realtà minimo.

«Il basso peso della zanzara fa sì che l'acqua mantenga quasi inalterata la propria velocità dopo l'impatto» - spiega David Hu, uno degli autori - «e che di conseguenza la forza applicata sull'insetto sia abbastanza bassa da non ucciderlo».

Inoltre, le zanzare non resistono alle gocce che le colpiscono, ma le accompagnano nella loro discesa al suolo: se viene colpita un'ala, esse si piegano; se viene colpito il corpo, si lasciano trascinare verso il basso e, mentre scendono, si liberano dell'acqua per poi riprendere il volo.

Sondaggio
Science ha pubblicato una classifica di 10 grandi scoperte avvenute nel 2011. Quale ritieni che sia la più significativa?
Nuovi metodi per la lotta all'AIDS. I trattamenti somministrati alle persone infette da HIV riducono il tasso di trasmissione: si potranno elaborare nuove strategie.
L'origine delle meteoriti. La missione giapponese Hayabusa ha scoperto che le meteoriti che più comunemente cadono sulla Terra provengono da un unico gruppo di asteroidi.
Luce sull'origine dell'uomo. Molte persone hanno ancora tracce di DNA arcaico, frutto di incroci avvenuti nella preistoria.
I meccanismi della fotosintesi. Scienziati giapponesi hanno scoperto la proteina usata dalle piante per separare acqua e ossigeno. Potrebbe aprire la strada per produrre energia pulita.
Gas primordiale. Sono state scoperte delle nubi di gas primordiale, rimaste nelle condizioni in cui si trovavano poco dopo il Big Bang.
Microbioma. I microbi che abitano nel nostro corpo non sono casuali ma appartengono a tre enterotipi, uno dei quali dominante. Conoscerli può aiutare a elaborare strategie personalizzate contro le malattie.
Vaccino contro la malaria. La sperimentazione ha fornito i primi risultati promettenti dopo anni infruttuosi.
Esopianeti. Le scoperte di Kepler hanno scovato dei "fratelli" della Terra che li costringeranno a rivedere le teorie sulla formazione dei pianeti.
Zeoliti sempre più efficienti ed economiche. Le zeoliti sintetiche sono minerali usati come "setacci molecolari" per ottenere la benzina dal petrolio, per purificare l'acqua o l'aria.
Prevenire l'invecchiamento. Eliminare le celle più vecchie, non più in grado di dividersi, si è rivelato un buon metodo per mantenerci sani più a lungo.

Mostra i risultati (5058 voti)
Leggi i commenti (30)

Questa operazione è facilitata da un corpo che pare progettato apposta per essere idrorepellente: le sue caratteristiche - a partire dalla peluria che ricopre le ali - permette alle zanzare di liberarsi facilmente dall'acqua.

Il pericolo insomma si concretizza soltanto se la zanzara viene colpita mentre sta volando vicino al suolo: in quel caso non ha tempo sufficiente per "riemergere" dalla goccia di pioggia, e finisce per essere portata sino al suolo, dove può rischiare di morire non tanto per l'impatto quanto per la possibilità di annegare in una pozza.

Al di là dello studio degli insetti, questa ricerca può avere ricadute positive nella progettazione di piccoli robot volante, che si possono progettare tenendo conto delle "tecniche di sopravvivenza" alla pioggia adottate dalle zanzare.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Roboroach, lo scarafaggio-robot che si controlla dal telefonino
L'ape artificiale impollinerà i fiori

Commenti all'articolo (5)

Ma quando piove le zanze continuano a volare? Non cercano di mettersi al riparo? :?
23-6-2012 23:03

Non sei l'unico a fare questo accostamento, vedi link... Leggi tutto
9-6-2012 15:38

che s'ha da fa pe' campà! :old:
7-6-2012 15:30

fico! certo, vedendo quanto sono provate dalla singola goccia, per queste zanzare non dovrebbe essere una passeggiata volare sotto un bel temporale...
7-6-2012 09:05

Le immagini sono belle, si tratta di un interessante studio per velivoli che non superino i 2mg (VULM, Very-Ultraleggeri).. Non so perche' mi viene in mente il premio IGnobel.. :-k
6-6-2012 12:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il peggior difetto del tuo smartphone?
Ha il display troppo piccolo per navigare comodamente.
Le app che vorrei utilizzare non sono disponibili il mio OS.
La tastiera virtuale è scomoda.
E' troppo lento e le app girano a fatica.
Non è dual Sim.
La batteria dura troppo poco.
E' troppo pesante da portare in giro.
Altro (spiegalo nel forum)

Mostra i risultati (3945 voti)
Giugno 2020
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Il software per impersonare gli altri su Zoom e Skype
Tutti gli Arretrati


web metrics