Google porta Chrome e Drive sull'iPhone e l'iPad

Il browser di Google e il servizio cloud sbarcano su iOS.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-06-2012]

chrome ios ipad

Sono Chrome e Drive i protagonisti della seconda giornata del Google I/O, la conferenza per sviluppatori durante la quale la società di Mountain View sta presentando le ultime novità.

Se il primo giorno è stato dedicato a prodotti completamente nuovi - come il tablet Nexus 7 - o futuristici - come gli occhiali Project Glass - ora è la volta di concentrarsi sulla conquista di nuove piattaforme da parte di prodotti già esistenti.

Il browser di Google può ormai vantare 310 milioni di utenti (quasi il doppio rispetto a un anno fa) ed è pronto per sottrarre terreno anche al concorrente per antonomasia quando si parla di dispositivi mobili: Safari.

Google ha infatti annunciato la disponibilità di Chrome per iOS, che già si può scaricare dall'App Store: il browser è compatibile con iOS 4.3 e versioni successive, ed è in grado di adattarsi allo schermo dell'iPhone, dell'iPod Touch o dell'iPad in maniera da sfruttare al meglio le diverse dimensioni.

A questo punto Chrome diventa davvero un browser universale, dato che è disponibile per Windows, Linux, Mac OS X, Android e iOS.

Google non ha dimenticato di sfruttare questa possibilità, ricordando come tra le caratteristiche più interessanti di Chrome ci sia la sincronizzazione delle pagine (che permette di riprendere sempre la navigazione dal punto in cui la si era lasciata, indipendentemente dal dispositivo), della cronologia, delle password e dei segnalibri.

Chrome supporta anche la navigazione a schede (nell'iPhone e nell'iPod vi si accede tramite un menu separato, nell'iPad le schede sono sempre visibili come nella versione desktop) e quella in incognito. L'articolo continua dopo il video.

Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1258 voti)
Leggi i commenti (6)

Oltre al browser, anche Google Drive conquista iOS: attivo da un paio di mesi, il servizio ha già 10 milioni di utenti e si arricchisce ora di alcune novità.

Tra queste ci sono la possibilità di utilizzare offline le applicazioni di Google Docs (per sincronizzarsi poi con i server di Google al momento del ritorno della connessione) e una funzionalità di ricerca avanzata, che consente di cercare anche nei testi acquisiti come immagine (identificati tramite un sistema di OCR) e nelle immagini vere e proprie che ritraggono quanto definito dalla chiave di ricerca: per esempio, cercando «piramide» verranno mostrate anche le fotografie che ritraggono le piramidi.

Google Drive è compatibile con iOS 5.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (2023 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics