Facebook e il Like privato

Ora è possibile salvare i post in una cartella privata ed esprimere il proprio apprezzamento in maniera discreta.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-08-2012]

facebook salva post

La novità è apparsa prima sull'app di Facebook per iOS, poi anche sul sito ufficiale (sebbene ancora non in tutto il mondo): ora è possibile "salvare" i post per consultarli in seguito.

Se si sta usando un iPhone o un iPad, tenendo il dito sul post che interessa si vedrà apparire un popup che permetterà di salvare il post stesso: ciò significa che finirà in una speciale cartella Saved, dal quale tutti i post che si vogliono conservare saranno sempre accessibili in futuro (o finché l'utente che ve li ha messi non deciderà di rimuoverli).

L'operazione è completamente privata: gli autori dei contenuti salvati non verranno mai a sapere il nome di chi ha deciso di conservare i loro post.

Nella versione desktopo di Facebook, il pulsante Salva apparirà di fianco ai consueti Mi piace, Condividi e Commenta; logica vuole che questa funzionalità debuti prossimamente anche sulle altre piattaforme, Android in testa.

Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (3993 voti)
Leggi i commenti (46)

Salvare i post permette anche di apporre il proprio Mi piace in maniera discreta: c'è già chi suggerisce di "tenere in caldo" gli argomenti sui quali si vorrebbe esprimere il proprio apprezzamento senza che ciò sia troppo visibile, e cliccare sul pulsante Like quando sarà passato un lasso di tempo giudicato sufficiente.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Rischia la prigione per un Like su Facebook

Commenti all'articolo (2)

in realtà è utile e segue il successo di instapaper o qualsiasi altro read later, io li uso spessissimo e mi ci trovo bene.
2-8-2012 18:58

Oh wow! Finalmente si puo' usare facebook in maniera ponderata. Cioe' prima si aspetta di vedere cosa la massa considera cool, poi ci si espone. Che rischio di fare delle figuracce, che c'era fino a ieri :roll:
2-8-2012 01:44

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversità: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra può portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccità e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'acidità dei mari.

Mostra i risultati (1726 voti)
Settembre 2020
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Chrome, Url troncati per combattere il phishing
Tim e Wind Tre, crescono le tariffe
Il chip nel cervello di Elon Musk
Tutti gli Arretrati


web metrics