Apologia del troll

Il primo troll? Socrate, che si fingeva ignorante per mettere in ridicolo gli interlocutori.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-08-2012]

apologia troll socrate

In Internet, troll è un termine dispregiativo: identifica coloro che intervengono in una discussione con il solo scopo di irritare i partecipanti.

Non tutti, però, la pensano in questo modo: Stefan Krappitz - autore del libro Troll Culture: A Comprehensive Guide, ossia La Cultura dei Troll: Una Guida Completa - ritiene che in realtà "fare il troll" sia solo un modo per fare gli spiritosi, un comportamento che peraltro esisterebbe da ben prima di Internet. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Quando partecipi a una discussione, che cosa ti infastidisce al punto da spingerti ad abbandonarla?
L'accorgermi che l'argomento che mi interessa viene trattato con troppa superficialità.
Scoprire che un mio interlocutore cerca di convincermi della sua idea anziché confrontarsi sul tema.
Trovare, fra le persone con cui discuto, qualcuno arrogante e supponente.
Vedere che alcuni si esprimono in un pessimo italiano.
Notare che l'interlocutore si basa su fatti palesemente fasulli per motivare le sue affermazioni.

Mostra i risultati (3020 voti)
Leggi i commenti (34)
Secondo Krappitz persino Socrate può essere definito un troll: il filosofo infatti fingeva di essere uno studente e poneva domande al solo scopo di prendere in giro coloro che non conoscevano l'argomento di cui stavano parlando.

L'intero intervento di Krappitz è disponibile come podcast (in inglese) su Surprisingly Free.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

:lol: be', proprio quel link lo definisce, nella seconda frase che ho citato. Leggi tutto
22-8-2012 22:23

Definizione molto poetica quanto poco appropriata, imho. Basterebbe una sola parola per definire un troll, ma non ha nulla di poetico.
22-8-2012 18:01

:lol: :lol: bella la definizione "Ma chi è, nel web. un troll? È un guastatore d'illusioni, un folletto illuminista che svela il grande inganno della Rete", che purtroppo si nega nella successiva: "per smascherare i - tanti - beoti del cyberspazio". 2058? no.. prima del 1998.
22-8-2012 09:57

2058?!? :o Ma molto prima!!! :roll:
21-8-2012 14:50

la citazione è furba, ancor prima che colta, e moltiplica semplicemente le oportunità di vedersi citare e ri-linkare, perchè socrate è quasi come la patata, tira sempre... comunque, anni or sono, ricordo un libretto tutto italiano ( link ) che affrontava in modo molto intelligente, dettagliato e pieno di esempi personali dell'autore, la... Leggi tutto
21-8-2012 11:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2489 voti)
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Windows 11, inizia la seconda fase degli update
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 30 novembre


web metrics