Apple, app per torrent ora benvenute nello store

Fino a ieri, BitTorrent era una parola proibita per l'App Store. Adesso qualcosa è cambiato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-09-2012]

conttrol appstore bittorrent

Fino a poco tempo fa, BitTorrent era una parola probita sull'App Store: il motivo è che «questa categoria di applicazioni è spesso utilizzata allo scopo di violare i diritti di terze parti», come spiegava Apple stessa.

Perciò, nessuna app che offrisse servigi legati a BitTorrent aveva diritto di cittadinanza nel giardino di Apple.

Ultimamente, tuttavia, le cose sembrano essere cambiate, e in silenzio.

Qualche mese fa Apple ha accettato nell'App Store Transmission RPC, un'applicazione che permette di controllare in remoto - dall'iPhone o dall'iPad - il client BitTorrent Transmission.

Ora un'altra app che svolge più o meno lo stesso mestiere - ma che supporta diversi clienti - è stata accettata anch'essa: si tratta di Conttrol e, a una settimana dall'approvazione, è ancora lì.

In passato è capitato che app legate a BitTorrent venissero inizialmente accettate salvo scomparire nel giro di uno o due giorni per i motivi esposti all'inizio; a quanto pare, ora c'è qualcosa di diverso.

Sondaggio
Che cosa scarichi più spesso da Internet?
Musica / video musicali
Programmi Tv (telefilm ecc.)
Film
Podcast
Software
Ebook

Mostra i risultati (2119 voti)
Leggi i commenti (11)

Si potrebbe obiettare che i due software in questione non consentono direttamente di effettuare i download, ma permettono soltanto di controllare i clienti che risiedono altrove; tuttavia anche questo genere di app, fino a non troppo tempo fa, veniva cassato senza pietà.

È dunque lecito quantomeno ipotizzare che Apple abbia deciso di ritirare il divieto che escludeva le app BitTorrent, e che abbia preferito farlo senza troppo clamore.

A questo punto ci si può anche chiedere se gli sviluppatori di uTorrent, che da poco hanno rilasciato una versione per Android ma non una per iOS visto il rifiuto di Apple per questa tecnologia, non vogliano pensare anche agli utenti di iPhone e iPad.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Client torrent approda all'App Store di Apple, ma censurato

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

quando la gente vede "open" e "closed", purtroppo si perde... comunque per riassumere e semplificare, quello che dici è molto poco probabile, perchè quando si fanno analisi dettagliate, si può capire quali dati vengono inviati, e a chi.
12-9-2012 17:45

Cosa ci vedi di strano? In un mondo cosi' closed e praticamente sempre online come iOS chi garantisce che Apple non si faccia i c@22i degli utenti, magari in accordo con le Major discografiche? Leggi tutto
10-9-2012 22:54

my god, sono senza parole :shock: Leggi tutto
10-9-2012 13:11

Penso che, semplicemente, Apple abbia deciso di assecondare certe richieste che magari stavano diventando più pressanti da parte degli utenti o che abbia visto nuove opportunità di business se avesse rivisto le sue precedenti policies.
9-9-2012 18:30

Sara' che per certi argomenti sono piuttosto sospettoso, non e' da escludere che le APP in questione contengano un qualche meccanismo che invia ad Apple e/o ad altri enti cosa scarica l'utente il quale, magari, un bel giorno viene "visitato" dalla polizia postale...
9-9-2012 15:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Numerosi utenti lamentano disservizi con i coupon-sconto. Quale di questi inconvenienti giudichi più grave?
La difficoltà nell'ottenere i rimborsi (o l'avere come rimborso un altro coupon anziché i soldi).
Non avere un livello adeguato di assistenza al cliente.
L'impossibilità di prenotare un servizio nonostante si sia acquistato il voucher (a causa di scarsa disponibilità da parte di chi eroga quel servizio).
Il trattamento diverso, da parte di chi eroga il servizio, nei confronti di chi paga con un coupon rispetto agli altri clienti.
Il ritardo nella consegna dei prodotti.
La non corrispondenza dell’acquisto effettivo con l’offerta iniziale.
La mancanza di modalità specifiche per i reclami.
Il fatto che l'esercizio per il quale si è acquistato il voucher ha chiuso o il servizio non è più attivo.
La mancata emissione della ricevuta fiscale da parte dei portali.
Non ho mai riscontrato alcuno di questi inconvenienti.

Mostra i risultati (1061 voti)
Dicembre 2019
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Tutti gli Arretrati


web metrics