Il MoMA a New York, un museo tutto da giocare

Aperta una sezione dedicata ai videogiochi che hanno fatto la storia degli ultimi 30 anni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-01-2013]

pacman

Si è soliti pensare al museo come a un pezzo di storia ormai passata; la consueta passeggiata tra una sala e l'altra, accompagnati da una guida turistica piuttosto che da un fido registratore con cuffia, ha il sapore di un viaggio nel tempo.

La verità è che l'unica cosa antica rimasta è l'idea stessa del museo ancora vincolata a polvere e cripte. La realtà è completamente diversa e lo sa bene chi avrà l'occasione di visitare l'esclusivo MoMA di New York, e in particolare la nuova sezione dedicata ai videogiochi che hanno fatto la storia degli ultimi 30 anni.

In fondo se si parla di tecnologia l'evoluzione è talmente rapida che non risulta affatto fuori luogo considerare Pac Man come un antico progenitore di un'attuale applicazione per smartphone.

La famosa pallina gialla, perennemente affamata e in fuga da perfidi fantasmi, è oggi a tutti gli effetti oggetto d'arte e di design. Come dare torto a Paola Antonelli, responsabile della sezione di Architettura e Design del MoMA, che parla di precisi criteri per la selezione delle opere da esporre.

Ben diciotto i mesi dedicati a giudicare centinaia di titoli in base a parametri di estetica, architettura, organizzazione e reazioni ottenute sul giocatore. Una selezione che ha portato a 14 titoli: Pac Man, Tetris, Another World, Myst, Sim City, Vid Ribbon, The Sims, Kataman Damacy, Eve Online, Dwart Fortress, Flow, Portal, Passage e Canabalt, tutti compresi negli anni 1980 ? 2009.

Sondaggio
Qual è il tuo principale strumento di gioco?
Il Pc
Il notebook
Il tablet
Il telefonino
La console di casa
La console portatile
Giochi tradizionali (da tavolo, di ruolo, di carte ecc.)
Giochi sul web

Mostra i risultati (2173 voti)
Leggi i commenti (5)

L'inaugurazione della mostra è prevista per marzo 2013, e ha già scatenato l'euforia di fan e nostalgici, oltre che le inevitabili polemiche di chi non riconosce nel videogame un pezzo da esposizione.

Noi personalmente preferiamo non prendere parte al dibattito, ma semplicemente constatare che l'idea di "museo" si è molto evoluta negli ultimi 20 anni aprendo le porte a svariate forme d'arte, nel rispetto della pluralità di pensiero e di espressione. Pertanto non possiamo che apprezzare l'ennesimo sforzo all'innovazione che può attirare e conquistare fasce di pubblico sempre più variegate.

Per quanti si stiano chiedendo come mai il famoso Super Mario non sia incluso nella lista di questi pezzi di storia videoludica, niente paura: la collezione crescerà nei prossimi anni. Il MoMA ha confermato che il famoso idraulico dal cappello rosso è stato acquistato insieme ad altri 25 titoli pronti a entrare nel mondo delle opere d'arte.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La maglietta con cui puoi giocare a Tetris
Conto alla rovescia per l'apertura del Museo interattivo delle Scienze
Quando i pirati si lamentano della pirateria

Commenti all'articolo (2)

Quoto in pieno! Leggi tutto
13-1-2013 20:10

MoMA ;)
9-1-2013 10:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (1897 voti)
Luglio 2020
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Tutti gli Arretrati


web metrics