Google offre un miliardo per WhatsApp

Le trattative, in corso da più di un mese, sarebbero vicine alla conclusione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-04-2013]

google whatsapp

WhatsApp piace, e non solo agli utenti: il sistema di messaggistica per smartphone che sta soppiantando gli SMS fa gola alle grandi aziende.

Verso la fine dello scorso anno si vociferava di un interessamento da parte di Facebook: pare che allora il social network in blu avesse intenzione di acquisire l'azienda, ma poi le voci si spensero.

Ora nuove indiscrezioni portano in primo piano un'altro nome importante, ossia quello di Google: la società di Mountain View, stando alle informazioni riportate da Digital Trends, avrebbe offerto un miliardo di dollari per l'acquisto di WhatsApp.

Il sito cita una «fonte interna», secondo la quale le trattative sarebbero ormai in corso da quattro o cinque settimane, periodo necessario per arrivare all'attuale offerta da un miliardo.

L'operazione rientrerebbe nella strategia alla base di Google Babel, il progetto - di cui ufficialmente ancora non si sa nulla - con il quale Google vorrebbe unificare tutti i propri servizi di comunicazione e al quale un successo come WhatsApp farebbe sicuramente comodo.

Sondaggio
Che cosa utilizzi per mandare messaggi dal cellulare?
biteSMS - 1.9%
BlackBerry Messenger - 2.2%
ChatON - 0.6%
Google Talk - 3.2%
iMessage - 4.6%
indoona - 4.6%
jaxtr - 0.4%
Msn - 0.9%
Skebby - 1.3%
Skype - 3.0%
Sms - 41.6%
WhatsApp - 35.8%
  Voti totali: 3611
 
Leggi i commenti (13)

Né si tratterebbe di una acquisizione in perdita: al di là del costo irrisorio dell'app in sé (79 centesimi di euro l'anno), WhatsApp genera profitti tramite gli accordi con i vari operatori telefonici. Cifre ufficiali non ce ne sono, ma mare che il piccolo software riesca a generare in questo modo 100 milioni di dollari l'anno.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
WhatsApp, due o tre cose da sapere
WhatsApp smentisce: non venderemo a Google
WhatsApp, arriva il canone anche su iPhone
Il Garante Privacy indaga su WhatsApp
WhatsApp a pagamento e gli utenti che non sanno leggere
Facebook ha messo gli occhi su WhatsApp

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1284 voti)
Luglio 2021
Rinunciare allo smartphone
Windows 10, svelato l'aggiornamento 21H2
Zitto zitto, il Parlamento Europeo vara la sorveglianza di massa di tutte le email
La UE ci riprova col caricabatterie unico
Stuxnet, il virus informatico più distruttivo della storia
Windows 11, niente update da Windows 7 e 8.1
Falla critica nel sistema di stampa di Windows, e la patch ancora non c'è
Un assaggio del nuovo Office, riprogettato per Windows 11
Giugno 2021
Windows 11, il mio PC riuscirà a eseguirlo?
Windows 11, non abbiate fretta di installarlo
Un blackout informatico molto, molto canadese
Windows 11 sarà più veloce di Windows 10
Windows 11, l'update da Windows 7 e 8 sarà gratis
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Windows 11, i primi screenshot sfuggono in Rete
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 30 luglio


web metrics