Che cosa sa di noi la Rete

Mentre camminiamo online, ci segue costantemente un'ombra digitale, composta da tutti i dati che condividiamo senza nemmeno saperlo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-05-2013]

monster

Si parla spesso di sicurezza e di tutela della privacy nel mondo del web. Certo in questo campo non bisogna essere paranoici né censori, ma piuttosto è utile essere informati.

Tralasciando ciò che volontaria-mente, con una nostra scelta, inseriamo online (la casella email, una foto o un filmato, una data importante, le amicizie) c'è poi una serie di dati - magari più "oscuri" e a prima vista meno direttamente connessi con la nostra persona - che rappresenta una parte importante di ciò che ci lasciamo dietro di noi, come se proiettassimo un'ombra mentre "camminiamo" nel web.

Per conoscere che cosa utilizziamo e come veniamo visti in Rete esiste il servizio Me & My Shadow (cioè Io e la mia ombra): senza bisogno di registrazione, inserendo alcune informazioni - le modalità con cui navighiamo nel web, i servizi social che usiamo, l'hardware (il netbook o il Pc desktop, o ancora il tablet o lo smartphone) e il sistema operativo utilizzato, se facciamo acquisti online o gestiamo account di vario genere - otteniamo informazioni generali su quanto di noi lasciamo e comunichiamo.

E magari scopriamo che condividiamo molto di più di ciò che pensiamo, specialmente poi nello sterminato mondo delle app per smartphone.

A questo proposito il Wall Street Journal ha analizzato nell'ecosistema di iOs e Android 101 apps mostrando quali dati vengono inviati durante il loro utilizzo: si dal numero di telefono ai dati di login alla propria posizione geografica fino anche all'intera rubrica.

Sondaggio
Sempre più siti richiedono dati personali in fase di registrazione. Tu come ti comporti?
Li concedo senza problemi.
Piuttosto rinuncio al servizio.
Inserisco dati falsi.
Li concedo solo se ho vera necessità del servizio e comunque solo se il sito mi sembra serio.

Mostra i risultati (5458 voti)
Leggi i commenti (13)

Certo va detto che le app devono sempre chiaramente mostrare nelle condizioni d'uso i permessi che avranno dopo la loro installazione e dunque i dati che verranno inviati.

In realtà quindi la colpa di una condivisione eccessiva dei dati è, troppo spesso, dell'utente che legge solo distrattamente le condizioni senza chiedersi non solo se voglia condividere un certo dato ma se sia logico che quel dato risulti necessario all'app in questione.

In Rete, insomma, occorre essere vigili come lo saremmo in una strada che non conosciamo, prestando attenzione alla nostra ombra - anche quella digitale - che ci segue.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Garante privacy: via i dati sulla salute dai siti dei Comuni
Quattro malware che attentano al portafoglio
Google dichiara guerra alle password
Facebook sa quello che compri

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 29)

:lol: :lol: tu sì, scherzavi. ma sai quanti invece no? e ancora nel secolo scorso si facevano un punto d'onore nell'essere presenti identici qui, qua, là, lì, su e giù? oppure, in un ambiente di nick, si registravano con la propria identità, tanto perché "non hanno niente da nascondere"? (ora sono felicemente la... Leggi tutto
22-5-2013 08:06

dai scherzavo! :lol: :lol: :lol: è un nickname, serve per mantenere la propria privacy. nella rete. che si segue, ci ascolta, ci registra.
21-5-2013 22:00

già, conosco tanti che han fatto lo stesso, come a voler manifestare una sorta di inutile "copyright di se stessi". il fatto è che a nulla serve perché le parole scritte nei vari luoghi continuano a essere senza padroni. meglio, il più delle volte divengono proprietà dell'effettivo proprietario del loco virtuale. (di solito... Leggi tutto
21-5-2013 13:08

Non mi pare che i nikname siano brevettabili. :lol:
21-5-2013 00:10

beh sì è vero, non è che si possa avere la certezza che qualcuno non scelga lo stesso nick. hai ragione zievatron. (se vedete in giro una madvero che non sono io, ditemelo che le brucio il profilo. devo brevettarmi il nickname, prima o poi...) :lol: :lol: :lol:
21-5-2013 00:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3699 voti)
Giugno 2020
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Il software per impersonare gli altri su Zoom e Skype
Tutti gli Arretrati


web metrics